Venerdì 16 Novembre 2018
   
Text Size

"Non condividiamo le scelte del partito"

Giovani-democratici-rutigliano

 

 

Rutigliano - Per anni il nostro impegno è stato rivolto ad uno scopo unico: sostenere il progetto del Partito Democratico. Noi Giovani Democratici sin dall’inizio abbiamo creduto e messo in pratica i principi cardine del nostro partito a livello nazionale ma soprattutto a livello locale: la passione,  l’impegno e la voglia di fare che animano costantemente il nostro agire quotidiano.

Democratici giovani_rutiglianoDi fronte a quanti hanno infangato il volto della politica, sconvolgendo la coscienza civile ed accrescendo  la disaffezione dei cittadini alla vita politica, di fronte all'emersione di ondate populiste e demagogiche, che non hanno saputo cogliere a pieno le istanze di cambiamento,  di fronte ai gravissimi problemi nati a seguito di una crisi finanziaria senza precedenti, di fronte a tutto questo il nostro lavoro non si è mai fermato. Ci siamo rimboccati le maniche, ci siamo messi in discussione e, perché no, abbiamo cercato anche di migliorarci. E non ci fermeremo nemmeno in questo momento, in cui  sono stati gli stessi rappresentanti del nostro partito a voltarci le spalle.
Noi siamo figli del PD, ed  è in seno ad esso che siamo nati: è nel PD che sono state accolte le nostre istanze europeiste e di giustizia sociale. Le correnti interne al partito non ci appartengono: non ci sono semplicemente lontane, ma ci sono del tutto estranee. Perciò non accetteremo mai che un progetto appassionante come quello  del Partito Democratico venga superato, a causa di vecchi retaggi storici, senza che questo abbia dato la giusta prova della sua vera potenzialità.
Noi non condividiamo le scelte del partito, non condividiamo il modo con cui queste scelte siano state comunicate. Non accettiamo che i dirigenti nazionali non abbiano prestato ascolto ai cittadini, alla base democratica, preferendo ad essi pericolosi e vergognosi tatticismi. Riteniamo infine che sia irrispettosa  nei confronti di tutti gli elettori  del PD,  la possibilità di stringere accordi con quella classe politica che da sempre reputiamo essere simbolo della non-politica.


Noi Giovani Democratici, e tutti coloro che ancora credono nel nostro partito, non permetteremo che venga sacrificato il progetto democratico per salvaguardare una classe dirigente sorda e lontana dalla base, che non ascolta più gli italiani. È per trasmettere questo messaggio che tutti i circoli del territorio nazionale sono simbolicamente occupati dai militanti stessi.
I dirigenti attuali hanno dato palese prova della loro incapacità a ricoprire il ruolo di rappresentanti politici, pertanto chiediamo loro di farsi definitivamente da parte e di lasciare spazio a nuove personalità, giovani o meno giovani che siano, ma che abbiamo come unico e solo interesse il progetto democratico. Il bene dell'Italia.

Commenti  

 
#2 pinco 2013-04-24 20:53
siete tutti uguali,comunque se vogliono veramente il bene dell'italia si sparassero tutti
 
 
#1 lasveglia 2013-04-23 23:34
Li avete votati ancora convinti che non fossero marionette di berlusconi. Ora scendete dalle vostre nuvolette rosa fatte di begli ideali e guardate dritta in faccia la realtà.
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI