Venerdì 16 Novembre 2018
   
Text Size

Arbusti in fiamme in C.da Britto

incendio

Alle fiamme diversi metri quadrati di macchia mediterranea in territorio di Rutigliano. Nel pomeriggio di lunedì 24 giugno un incendio ha coinvolto un lembo di Lama San Giorgio in Contrada Britto. Il costone roccioso, sterpagle ma anche gli arbusti tipici della coltivazione presente lungo la lama sono andati distrutti. Immediato l'intervento di spegnimento della squadra della Ass.ne "Protezione Civile" di Rutigliano coordinata da una pattuglia della Polizia Municipale. "L'incendio" spiega il Presidente della "Protezione Civile" Luigi Difino "era suddiviso in piccoli roghi lontani l'uno dall'altro, questo ha reso più ardue e durature le fasi di spegnimento". Presente sul posto anche il Consorzio di Vigilanza Rurale e Urbana di Rutigliano. Dopo quello presso C.da Localzo salgono a quota due gli incendi che hanno coinvolto Lama San Giorgio durante la stagione estiva in corso.   

Commenti  

 
#6 Gianni e il magico 2013-06-28 21:28
Per Aladino,forse li vedi nella tua lampada
 
 
#5 aladino 2013-06-27 15:40
per nic i carabinieri sono presenti, sono i vigili che gia è un miracolo vederli nel centro abitato.... in campagna ci vanno solo durante il periodo dell'uva......
 
 
#4 aaaa 2013-06-25 16:14
mi associo a fgiovanni e anna v in piu posso dire che quando una testata giornalistica storpia le notizie noi da bravi lettori non dovremmo piu seguire quella testata
 
 
#3 FGiovanni 2013-06-24 23:14
Devo denunciare pubblicamente che non riesco a farmi pubblicare post contro gli articoli di Nicastro. me li taglia tutti- dove siamo arrivati. Fa tutto lui, magari si scrive anche i post.
 
 
#2 Anna v 2013-06-24 23:07
Bravi Bravissimi, finalmente una sana informazione. Con rutiglianoonline non se ne può più. Offese e politiica di parte, non è più sopportabile il pazzo di,,,,,. mi raccomando non fatevi influenzare.
 
 
#1 Male 2013-06-24 22:58
Povera lama ... prima le acque reflue depurate, poi gli incendi ... e basta!
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI