Venerdì 16 Novembre 2018
   
Text Size

Il "fantacomune" 2014: iniziative e strategie possibili

proposta legge regionale

 

Mentre proseguono le attività di ciascuna coalizione per presentare liste e programmi elettorali in scadenza a breve, qualcuno suggerisce già alcune proposte di legge come suggerimento al sindaco uscente Romagno. Si tratta, nello specifico, dell'iniziativa di cui si sarebbero fatti carico alcuni membri dell'attuale Ncd, tra questi Enzo De Gregorio, che tramite un comunicato datato 31 marzo 2014 avrebbe divulgato la proposta di legge di Massimo Cassano, barese di nascita, recentemente nominato da Renzi Sottosegretario al Lavoro, con l'obiettivo di "aiutare tutte le attività economiche danneggiate da lavori di pubblica utilità". La finalità della mozione legislativa sarebbe quella di "creare un fondo regionale attraverso il quale [la Regione Puglia] eroga agli imprenditori interessati un contributo straordinario, a titolo di indennizzo parziale." Una notizia, certo, da tenere in considerazione soprattutto se si pensa al fatto che proprio in questo periodo il nostro paese - così come numerosi altri comuni pugliesi -  è interessato da importanti lavori di riqualificazione urbana che mirano a migliorarne l'aspetto e la vivibilità. Opere, queste, che qualcuno sta vivendo in maniera sofferta, tanto da farne un dramma e un motivo di lamentela. Si parla pur sempre di una legge regionale, si badi bene, che si adatterebbe perfettamente alla situazione che Rutigliano sta vivendo e che probabilmente porterebbe a dei risvolti positivi. Le intenzioni del suggerimento, dunque, sembrerebbero rispettabili, se non fosse per il fatto che siamo in piena campagna elettorale, motivo in più per avanzare proposte, iniziative, progetti che, dati alla mano, potrebbero o non potrebbero attuarsi. Il risultato è che le coalizioni, insomma, si stanno armando con tutti i mezzi e gli strumenti a loro disposizione per portare avanti una campagna elettorale che fin da ora sta lasciando tutti a bocca aperta. Che si tratti di "atti concreti a sostegno dei commercianti", lo si dice sui volantini che in questi giorni stanno girando per informare i cittadini dell'iniziativa, così come girano voci che alluderebbero all'utilizzo delle "maniere forti" da parte di alcuni movimenti e partiti. Lo spettacolo, insomma, non è ancora iniziato, che già si sta profilando la lotta all'ultimo candidato possibile, al nome da rubare alla lista avversaria, quello che porta i voti. Sembrerebbe di assistere al "fantacomune": si organizzano le "squadre", si gestiscono gli scambi tra coloro che hanno aderito ad una lista o ad un'altra, si impostano le tattiche di gioco, ci si litiga un candidato più o meno portatore di voti. Nel frattempo le liste sono quasi ultimate, i programmi elettorali in corso d'opera, i giochi quasi conclusi, i primi nomi già trapelati. "Squadra che vince, non si cambia", come si suol dire. Eppure quest'anno il cambiamento è avvenuto. Chi si troverà ad avere la squadra vincente?

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI