Domenica 18 Novembre 2018
   
Text Size

E deleghe furono: l'assegnazione durante il primo Consiglio

assegnazione deleghe

"Non avendo altri argomenti da discutere, sciolgo la seduta alle ore 21.15". Così il neo presidente eletto Michele Maggiorano scioglie la prima seduta del Consiglio comunale, martedì 15 luglio. Sessione straordinaria, sia per la novità degli insediamenti, sia per la durata (quasi 4 ore).

Ma tra i punti all'ordine del giorno, quello più atteso era senza dubbio l'assegnazione delle deleghe ai neoassessori: le voci, insomma, si sono finalmente acquietate - penserà qualcuno. Ma le nomine del sindaco Romagno non ha lasciato indifferenti coloro che speravano in un 'alleggerimento' del carico affidato ai novelli amministratori della cosa pubblica. Ecco, dunque, le deleghe così ripartite: a Gianvito Altieri lo Sviluppo Economico e Culturale, nello specifico Musei, Cultura, Comunicazione, Politiche Giovanili, Politiche Comunitarie e Fondi Strutturali, Politiche Energetiche, Attività Produttive,Turismo, Sport, Organizzazione Eventi, Attuazione Programma; ad Anna Ancona i Servizi alla Persona, nello specifico Servizi Sociali, Pari Opportunità, Politiche per l’Infanzia, l’Immigrazione e l’Integrazione, Legalità e Trasparenza, Affari Generali, Pubblica Istruzione; a Nicola Berardi l'Assetto del Territorio, nello specifico Urbanistica, Pianificazione del Territorio, Edilizia Residenziale Pubblica, Edilizia Scolastica, Centro Storico; ad Agata Di Ciolla le Risorse Economiche ed Umane, nello specifico Bilancio e Programmazione, Tributi, Finanze, Economato, Patrimonio, Personale, Innovazione Tecnologica e Sistemi Informativi; a Pinuccio Valenzano Politiche e sviluppo agricolo ed ambientale, nello specifico Agricoltura, Ambiente, Igiene Pubblica, Decoro Urbano, Strade Vicinali, Marketing Territoriale, URP. Tutto ciò che non è stato delegato, dunque, resta nelle mani del sindaco, trattandosi nello specifico di Servizi Demografici, Lavori Pubblici, Manutenzioni, Edilizia Privata, Servizi Cimiteriali, Verde Pubblico, Città Metropolitana, Contenzioso, Polizia Municipale.

Ormai non ci sono più segreti, e gli addetti ai lavori potranno finalmente prendere parte nei rispettivi uffici. Ciò che sorprende in maniera evidente, però, è il grosso carico di responsabilità affidato ad Altieri - ben due deleghe importanti e di una certa rilevanza - che andranno a rafforzare senza dubbio il peso politico di Forza Italia, di cui Altieri è rappresentante, all'interno della coalizione. Questa la sorpresa più grande al primo Consiglio, questa forse la matassa che il sindaco Romagno non riusciva a sbrogliare, e a cui probabilmente non ci sarebbe stata altra soluzione. D'altronde Altieri sembra essere adatto ad entrambi i ruoli, considerando la rete di contatti e l'importanza che la sua azienda detiene a livello commerciale. Nel caso di Berardi, invece, una delega molto prevedibile, considerata la sua professionalità, che si confermerebbe il criterio di scelta anche per le deleghe assegnate alle due donne, l'avvocato Ancona e la commercialista Di Ciolla, a cui sono stati affidati servizi sociali e bilancio.

Soddisfatti o no, dunque, ormai la Giunta è fatta. Non resta che seguirli da vicino nel loro operato. Ce la faranno i nostri eroi?

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI