Sabato 17 Novembre 2018
   
Text Size

Delliturri: "Abbiamo dato il massimo in tempi ridotti"

Franco Delliturri

 

Il Consiglio della scorsa settimana ha certamente mostrato la tipica contrapposizione fra maggioranza ed opposizione, con numerosi punti sottolineati all’attenzione del governo cittadino su altrettanti temi di discussione, piuttosto complessi e sentiti quali la TARI o il piano di alienazioni e valorizzazioni stilato per il prossimo triennio. Ne abbiamo parlato con il consigliere MAR Franco Delliturri, sempre pronto a rispondere ad ogni interrogativo in Consiglio, e disponibilissimo anche nei nostri confronti.

Un parere sull’andamento dello scorso Consiglio, come sempre non sono mancati gli “scontri”.

Ma si fa per dire scontri, alla fine l’opposizione non ha fatto altro che il suo dovere, come è giusto che sia, e anzi non vedo l’accanimento degli altri anni; va detto che la legge, nel caso della TARI, ci obbliga a coprire al 100% dei costi relativi ai rifiuti e quindi non è mai facile in questi casi maneggiare a dovere la tassazione. Siamo comunque riusciti a rispondere alle esigenze di molti imprenditori rutiglianesi, che come potrete ricordare contestarono duramente lo scorso anno la TARSU e a cui siamo andati incontro nella maggioranza dei casi, a fronte di un aumento del 5% di alcune categorie nelle utenze domestiche, inevitabile vista la dura legge della coperta corta. Sul piano di valorizzazioni e alienazioni, soprattutto riguardo il mercato coperto, abbatterlo significherebbe affrontare una spesa pesantissima che non possiamo permetterci, ed ecco che la vendita potrebbe essere un modo per liberarci da un “mausoleo” inattivo e rimpinguare comunque le casse, ciononostante siamo comunque aperti ad eventuali progetti finanza in merito che ci permettano di imboccare altre vie da quella prescelta.

Il fattore tempo è stata una costante delle contestazioni al vostro lavoro: si sarebbe potuto fare di più nel caso di IUC e bilancio?

Il tempo è di primaria importanza ed è logico che avremmo potuto fare di meglio avendo qualche giorno in più. Purtroppo però, dal 15 luglio, il giorno della proclamazione, al 30 settembre, tra ferie e feste varie, al netto degli altri impegni politici, il tempo non è stato poi così abbondante e clemente nei nostri confronti. Abbiamo comunque dato il massimo, anche in Commissione dove ho visto un atteggiamento comunque positivo da parte di tutte le forze politiche nel lavorare per il paese.

Va detto che vedere il bilancio essere approvato all’infuori del Consiglio fa uno strano effetto.

Si è vero, ma si torna sempre al discorso di prima, quel tempo che ha ristretto il processo di formazione del documento, che rimane di ottimi contenuti: rispolvereremo dopo 8 anni il progetto di rifacimento alla Villa Comunale e abbiamo previsto tutti i mezzi possibili per rivedere pulite e ordinate le nostre strade, per dirne qualcuna. Si è dato il massimo per gestire al meglio le risorse, considerando anche i tagli dallo Stato centrale; prometto comunque che per l’anno 2015 inizieremo a discutere del bilancio di previsione già da gennaio, in modo da sentire più cittadini possibile a riguardo ed arrivare alla redazione con il maggior numero di punti di contatto tra maggioranza e opposizione: sarà difficile, è una cosa che non si è mai vista, ma Rutigliano lo merita.

Ancora una volta il maltempo ci ha colpito, avete risposte pronte?

Ci siamo immediatamente mossi vista la portata enorme dell’evento, venerdì abbiamo programmato un incontro con tutti i sindaci dell’hinterland in modo da produrre una richiesta comune di risorse in nostro supporto sia allo Stato che alla Regione. I danni da noi subiti in questi mesi sono stati estremamente pesanti, proprio per questo noi dell’amministrazione dobbiamo reagire a dovere e darci da fare per alleggerire i cittadini da questo carico.

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI