Lunedì 12 Novembre 2018
   
Text Size

Serie A Didonna. Verona e Milan si dividono la posta in palio

milan-verona-35858

 

Nel posticipo della 7^ giornata del campionato di Serie A al Didonna , la voglia di conferme in positivo del Milan si scontra con la necessità di far “bottino pieno” del Verona, impelagato nelle zone basse della classifica e quindi alla ricerca di “punti per risalire”.

“Pronti-via!” e nei primi cinque minuti, il Milan si fa vivo dalle parti dell’estremo difensore Vavalle ben tre circostanze, l’ultima delle quali  la più nitida: il tiro del n 15 Caldarolo,infatti, sibila il palo ma lo stesso avrà modo di rifarsi più tardi. Sembrano i presupposti per un dominio di marca rossonera, ma all’8’ Pavone allarga sulla corsia per Romanazzi che chiude il triangolo col compagno , che da pochi metri non sbaglia. Il Verona si porta sull’ 1-0. Un solo giro di lancette e Paparella serve un’ottima sponda di testa alla “corrente” Caldarolo; il giocatore rossonero stavolta non sbaglia e ,con un tiro dal limite dell’area, pareggia i conti sull’1-1. Di qui una fase di stallo in cui alle ottime iniziative di uno scatenato Caldarolo che crea pericoli in area veronese in più occasioni, risponde con un’azione personale il n99 Lippolis che cerca fortuna da fuori area con un tiro che lambisce il palo alla destra di Manfredi.

L’inizio di ripresa è scoppiettante : al 2’ il Milan si mostra “sciupone” in fase offensiva divorando ben tre occasioni in pochi secondi a “tu per tu” con il portiere avversario; replica subito il Verona al 3’ quando in aiuto di Manfredi, momentaneamente fuori dai pali, arriva il n7 Tricase che salva difatti sulla linea un colpo di testa a botta sicura di Troiani. Il “botta e risposta” tra le due squadre continua e , al 7’, i rossoneri creano pericolo direttamente da rimessa laterale ma Lovecchio, appostato sul secondo palo, non ne approfitta. Due minuti dopo, i gialloblu si fanno vivi con l’iniziativa di un pimpante Soccio sulla fascia che imbecca Romanazzi al limite dell’area: il tiro al volo del n95 è però murato dalla retroguardia milanista. E’ il preludio al goal. Al 13’ grande azione personale di C.Pavone che sgattaiola tra due avversari con un bellissimo dribbling e trafigge Manfredi battezzando l’angolino. Nuovo vantaggio veronese sul 2-1.
Neanche il tempo di festeggiare e un’indecisione della difesa gialloblu  su un calcio d’angolo, consente a Paparella di realizzare una rete da “rapace d’area”: il 9 si gira in un fazzoletto e batte  Vavalle con un perfetto diagonale ,siglando difatti il 2-2.
La partita a questo punto diviene bellissima, caratterizzandosi per capovolgimenti di fronte continui : entrambe le squadre ambiscono ai 3 punti. Al 20’ C.Pavone prende ancora una volta prende per mano i suoi e , ripetendo quasi l’azione di sette minuti prima, opta per la precisione e ,con un tiro non irresistibile, beffa Manfredi. Il Verona si dimostra, però, ancora incapace di gestire il vantaggio e per la terza volta viene raggiunto sul pari: su un cross proveniente dall’out di destra, ancora Paparella anticipa l’uscita bassa del portiere avversario e con la sua doppietta personale, fissa il punteggio sul 3-3.

Nei minuti finali, ci provano prima DeCaro(Mil) e Troiani(Ver) con un tiro da fuori ben neutralizzato, ma il risultato non cambia. La gara si conclude in parità, esito più giusto considerando l’equilibrio tra le due squadre che si è potuto osservare a lunghi tratti nel match.  

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI