Mercoledì 14 Novembre 2018
   
Text Size

Il Sindaco e i Consiglieri rutiglianesi a Milano per l’ANCI

IMG-20141113-WA0001

 

Si è tenuta tra il 6 e l’8 novembre scorso a Milano la 31esima assemblea annuale dell’Associazione Nazionale dei Comuni Italiani, nata per coordinare il lavoro tra i più piccoli enti amministratori della res pubblica ed ampliarne la voce nei rapporti con lo Stato Centrale. “Nel segno dell’Italia, i Comuni disegnano il cambiamento”, il titolo scelto per i lavori di quest’anno, in un’atmosfera di profondo mutamento del comportamento di ogni amministrazione pur di sopperire a sempre più bisogni con sempre minore margine di manovra; ancora una volta a capo delle operazioni il presidente appena rieletto Piero Fassina.

Non potevano mancare i delegati rutiglianesi: fra gli inviati dalla città, oltre al sindaco Roberto Romagno, c’erano altri tre rappresentanti, ovvero il consigliere di maggioranza Stephi Simone e quelli di opposizione Michele Martire e Nicola Giampaolo; abbiamo provveduto a contattare i protagonisti di quest’esperienza per poter meglio comprendere cosa hanno effettivamente recepito e se bolle qualcosa di nuovo.

“Tutti i Comuni italiani continuano a lamentarsi dei tagli da parte dello Stato Centrale” spiega Simone “ed hanno preso in atto in assemblea della situazione, ipotizzando eventuali possibilità di sforamento del bilancio”. A farla da padrona, quindi, è stata la spending review, protagonista nel bene e nel male della politica degli ultimi anni, di certo un grosso ostacolo per tutte le amministrazioni.

“Rispetto agli  anni precedenti, ci sono evidenti effetti legati alla diminuzione della forza economica generale, e la cosa si è vista riflettere nel numero degli stand degli espositori” continua Martire. Un tema particolarmente a cuore di quest’ultimo e di Simone è stato quello della segnaletica stradale, soprattutto per il suo sviluppo ed efficientamento punto fortemente apprezzato dal consigliere NCD e visto con nostalgia da Simone, nel ricordo dell’assessorato alla Polizia Locale.

Giampaolo ci ha raccontato con il suo consueto entusiasmo l’esperienza vissuta, ribadendoci i commenti di cui sopra e concentrandosi in particolare su un argomento”Il caso dei defibrillatori, che a Rutigliano ancora non ci sono; a riguardo io combatterò per farli arrivare!”. Non potevano mancare stand legati alla Cassa deposito e prestito, che come affermato da Martire potrebbero essere buone vie per la valorizzazioni di eventuali valorizzazioni immobiliari e negoziazioni; già a riguardo mi sono interfacciato con il Direttore di Ragioneria “; si sta cercando inoltre di possibilità di sfruttare al meglio al creazione di un credito sportivo ad hoc relativo all’edilizia di questo settore appannaggio quasi certamente esclusivo delle scuole.

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI