Mercoledì 14 Novembre 2018
   
Text Size

Circo a Rutigliano sul campo avvelenato: LA DENUNCIA

IMG-20150318-WA0013 - Copia IMG-20150318-WA0012 - Copia

Inchiesta di Gianluca Giugno pubblicata su "La Voce del Paese - edizione Rutigliano" (network di ben 10 comuni), nelle edicole da sabato 21 marzo.

 

Arriva il circo ma… non scherziamo!

Il campo su cui si è posizionato il circo è avvelenato? Ecco l’indagine

 

  L’arrivo del circo a Rutigliano, come per altri Comuni, ha sempre un qualcosa di emozionante e gioioso. Molti perdono il disincanto verso una forma d’arte antica come quella dell’attività circense ma si può facilmente ricadere nell’illusione fanciullesca nel rivedere leoni, tigri, fiere, contorsionisti ed acrobati.

DSC_0822

  Il tendone del circo, almeno quello, non appare per magia. Non si ritrova magicamente in un paese come per l’incanto di un prestigiatore.

  Gli artisti itineranti, a Rutigliano dal 19 al 22 marzo, si sono stabiliti su di un suolo privato in via Dante, alle spalle del centro commerciale vicino.

  Alcuni residenti della zona interessata hanno denunciato ai nostri collaboratori la presenza di un cartello presente sulla proprietà in questione. ‘Zona Avvelenata’. Questo recita il cartello segnalato dai cittadini e che, misteriosamente, all’arrivo del tendone è stato divelto ed occultato (seppur ancora ben visibile).

  I nostri collaboratori si sono allora recati presso le autorità competenti.

Secondo la spiegazione fornita dall’Ufficio Attività Produttive del Comune di Rutigliano, la prassi secondo la quale un gruppo circense possa insediarsi nell’area urbana richiede numerosi permessi e controlli. Ogni comune dovrebbe indicare un’area predisposta per le attività itineranti come appunto circhi, come in questo caso, o anche semplicemente bancarelle o giostre durante le feste patronali. Rutigliano non dispone, oggi, di una zona assegnata a questo unico scopo, per cui il responsabile del tendone circense, insieme al proprietario del lotto di terra in questione si sono privatamente accordati sull’affitto della zona, presentando tutta la documentazione richiesta presso l’ufficio predisposto. Le pratiche, complete in ogni parte sono state allora redatte e sottoposte all’attenzione del Sindaco che ha apposto la propria firma e il beneplacito del Comune.

  Le documentazioni necessarie sono state elencate puntualmente e complete in ogni loro parte. Tra le documentazioni necessarie vengono elencati rapporti sulla viabilità del traffico, approvazioni dei periti tra cui anche un referto veterinario per via della presenza di animali. Nessuna risposta, però, per quanto concerne eventuali analisi del suolo o delle piantagioni spontanee sulle quali si erige il tendone. Dopo una chiacchierata con i funzionari pubblici emerge che quella dei lavoratori girovaghi è ritenuta dall’amministrazione una “categoria protetta”, quindi agevolata da incentivi e da speciali permessi ed eccezioni.

  Soddisfatto il bisogno di conoscenza burocratica alla base della permanenza degli artisti, i nostri collaboratori si sono recati presso la caserma della Polizia Municipale in cerca di ulteriori risposte.

DSC_0820

  Alla richiesta di spiegazioni, cercando un fondamento alle lamentele dei cittadini si viene a conoscenza di una precedente denuncia da parte dei cittadini. Il proprietario dello spazio verde sarebbe stato colto in flagrante durante un qualche tipo di trattamento chimico, probabilmente diserbante. A seguito di questa segnalazione il corpo della Polizia Municipale unitamente ad operatori dell’ASL sono intervenuti per redigere tutti i consequenziali. Questa indagine è stata condotta la scorsa domenica 15 marzo 2015. Gli agenti della Polizia Municipale si è detta ignara della presenza del cartello che ha scatenato la curiosità dei cittadini, invitando i nostri collaboratori a formulare una segnalazione scritta allegando a questa le foto in nostro possesso che qui di seguito pubblichiamo.

  Con troppa poca chiarezza, in ogni caso, è stata trattata questa faccenda da parte delle istituzioni. Si può sperare che gli agenti chimici utilizzati possano oggi essere inefficaci e non dannosi. Oppure si può sperare che il cartello apposto in quel campo sia servito solo a scoraggiare curiosi ed avventurieri. O si può solo sperare che questo caso non sia solo un trucco di prestidigitazione, dietro il quale si sono nascosti illeciti accordi. 



  

IMG-20150318-WA0013

Commenti  

 
#11 luca 2015-04-02 13:16
.ho assistito ad abusi di potere ...il tutto solo perché abitava alle spalle del piazzale. Li ha accusati di essere ladri, ha insultato un bambino del paese pensando appartenesse al circo oltre al fatto che ha fatto di tutto affinché il circo non arrivasse in paese. Ha affermato che quell'area non era idonea per motivi igienico sanitarie e insinuando che il circo avesse lasciato il piazzale sporco. Ma mi domando ci rendiamo conto di quanta immondizia e quanti topi ci sono in quel piazzale? Io da rutiglianese ammiro chi fa questo lavoro e per tanto mi sono documentato. Tutti i paesi CH superano i 5 mila abitanti per legge dovrebbero avere un'area idonea per giostre e circhi. Rutigliano non solo non ha unaria idonea ,e per tanto i circolanti sono stati costretti ad individuare un'aria privata,. Non mi sarei meravigliato se quelle persone avessero denunciato i vigili per abuso di potere. Morale della favola cerchiamo di tenere più pulita la nostra città che a momenti siamo peggio di Napoli anzicche cercare di risolvere problemi che in realtà non sussistono.
 
 
#10 n.v. 2015-03-31 08:00
Cari amici,non tutti sanno che molti erbicidi contengono il Glyphosate, che è un diserbante ad azione totale ma a minore impatto ambientale, infatti dovrebbe avere una persistenza di circa dieci giorni e a contatto con il terreno si dovrebbe neutralizzare, infatti non bisogna diluirlo in acqua sporca di terra per non ridurne l'efficacia, ad oggi, dato il tempo trascorso dal momento in cui e' avvenuta l'irrorazione il principio attivo dovrebbe aver perso la totale efficacia, ne danno conferma i nuovi germogli di erba che stanno nuovamente crescendo. certo non è da stare tranquilli se si pensa che prima di
piantare le innumerevoli verdure che quasi quotidianamente noi mangiamo il produttore tratta il terreno con i diserbanti per evitare il germogliamento delle erbe infestanti, a questa prassi nessuno ci fa caso?.
 
 
#9 cittadino 2015-03-29 17:38
Stregone, i pesticidi non contengono più veleno letale all'uomo e agli animali??? vallo a dire ai proprietari dei cani che nei giorni scorsi sono stati intossicati dai diserbati usati per l'erba in varie zone di rutigliano!!!
 
 
#8 Rutiglianese 2015-03-27 16:25
Il suolo non appartiene al Comune. Il cartello "Zona avvelenata" non è stato messo lì da nessuno, se non dal proprietario che più volte ha fatto uso di diserbanti.
 
 
#7 tigre 2015-03-26 07:38
Stiamo pensando all erba pensate a quanti topi escono da quella parte di terreno rutigliano vergognatevi tutti compreso vigili anche
 
 
#6 luccio 2015-03-24 18:55
in via san lorenzo...partendo dal passaggio a livello ....è stato usato diserbante a profusione!!!!
 
 
#5 il giusto 2015-03-24 10:15
io dico che quella e' una srtategia di chi so io x buttare ancora "veleno" su chi sta ora alla maggioranza.......ha ragione l'utente "Stregone" quella e' zona incolta e quindi un cartello del genere non ha ragione di esistere......e poi se il terreno e' comunale chi ce l'ha messo il cartello Romagno di persona??? :D
 
 
#4 stregone 2015-03-23 15:42
scusate ma quella zona e' incolta e come si fa a mettere un cartello che e' avvelenata????....qualcuno si e' divertito a farlo sicuramente.....le zone avvelenate non esistono + gia da tempo in quanto i pesticidi non contegono + veleno letale all'uomo e agli animali!!
 
 
#3 gino 234 2015-03-23 13:23
Bhe... Io eviterei di fra vedere questa "arte antica ", così evitiamo un po' tutto
 
 
#2 dubbio 2015-03-23 09:52
scusate ma quindi anche la via crucis è avvelenata?.. aspetto una vostra risp
 
 
#1 nbv 2015-03-23 08:29
A questo punto sono gli animali del circo che non devono assolutamente mangiare erba
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI