Domenica 18 Novembre 2018
   
Text Size

Delliturri: “Mi ritengo abbastanza soddisfatto”

Rutigliano- Delliturri Mi Ritengo Soddisfatto

Articolo pubblicato su “La Voce del Paese” in edicola la settimana scorsa

Elezioni regionali: “Governare l’Italia o un Comune con un’affluenza del 49% non è una cosa facile”

 

7.660 votanti su 15.455 elettori rutiglianesi, un’affluenza pari al 49,56%, tra le più basse in Puglia: un dato allarmante, se si considera che uno dei candidati alla Regione Puglia era uno dei consiglieri di punta dell’Amministrazione Romagno: non solo un nostro concittadino, dunque, ma anche un rappresentante del consenso popolare di poco più di un anno fa. I numeri fanno pensare, certo, ma Dellitutti, nonostante l’astensionismo, si prende la sua piccola soddisfazione: è comunque il più suffragato dagli elettori rutiglianesi con ben 2041 voti, pari al 37,99%. “In base a quella che è stata la percentuale dei votanti – ci confessa - mi ritengo abbastanza soddisfatto per le preferenze ottenute. Basti pensare che ho ottenuto personalmente il 37% circa delle preferenze in base a quelli che sono stati i votanti”.

Tuttavia, non manca di esprimere un pizzico di dispiacere nel sapere che quasi la metà degli elettori non si è avvalsa del diritto del voto: “Dispiace dover constatare che in molti si allontanano dalla politica, dato che a Rutigliano ha votato appena il 49%”. “Bisogna sollecitare la gente a votare, perché è un sacrosanto diritto e un dovere da parte loro”.

Quali sarebbero i motivi di questa rinuncia? “La gente è sfiduciata – ci spiega –, le tasse sono troppe e loro sono sempre convinti che per chiunque vada ad amministrare sia sempre la stessa storia, è difficile secondo l’opinione pubblica che si cambi. C’è una lamentela generale che comporta poi questo astensionismo, che purtroppo continua a crescere. Vuoi poi che ci siamo trovati in un momento politico particolare, vuoi anche il momento festivo, per cui durante il ponte parecchi sono andati in ferie, in gite già organizzate in precedenza. Ci sono state un po’ di cause e concause che hanno generato questo astensionismo. Dispiace e purtroppo ne prendiamo atto. C’è bisogno di una politica soprattutto più vicino ai giovani, per avvicinarli, dato che si stanno allontanando sempre di più. Loro protestano e la loro protesta a volte va a finire nel vuoto, perché protestare senza proporre non ha senso. È facile fare opposizione, è difficile governare. Questa è la realtà”. “Governare l’Italia o un comune con un’affluenza del 49% non è una cosa facile”.

LUCIA SALVI

Commenti  

 
#1 uno di noi 2015-06-20 11:47
Contento lui contenti tutti ....
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI