Giovedì 15 Novembre 2018
   
Text Size

Furti intelligenti e rapine programmate

Rutigliano- furti e rapine

Articolo pubblicato su “La Voce del Paese” in edicola la settimana scorsa

I malviventi ormai studiano le loro vittime, e scelgono il momento migliore per colpire. Bottino da 1.000 euro al supermercato 

Furti e rapine, ci risiamo. Due gravi episodi sono avvenuti questa settimana a Noicattaro, e noi ve li riportiamo fedelmente. Lo scorso lunedì 12 Ottobre, intorno alle 8.30 di mattina, un paio di uomini hanno approfittato della distrazione di una donna, per rubarle la borsa. Il furto è avvenuto nei pressi del rondò tra via Selvaggi e via Saragat. Proprio lì una signora si era fermata con la sua auto per far scendere gli altri passeggeri dal veicolo. Nel caos si sono avvicinati due malviventi, uno dei quali ha allungato il braccio per inserirlo nell’auto, e portare via la borsa della signora. I due, dopo un paio di secondi erano a bordo di una moto di grossa cilindrata, con la quale si sono allontanati, facendo perdere le loro tracce.

Nella borsa c’erano meno di un centinaio di euro e i documenti della donna. Questi ultimi sono stati ritrovati, a distanza di 2-3 giorni, dalla Polizia Municipale di Bari, nel quartiere Japigia, dove i ladri avranno fatto una sosta prima di ripartire per chissà quale meta. Carta d’identità e patente di guida sono stati restituiti all’avente diritto.

Altri casi simili sono stati registrati anche a Rutigliano. Verrebbe da pensare che esiste una vera e propria organizzazione dietro questi furti. Spesso, infatti, accadono nei pressi dei discount o delle scuole, dove magari le persone fanno brevi fermate, magari anche a motore acceso. E proprio qui che bisogna prestare maggiore attenzione, perché ci potrebbe essere qualcuno che sta studiando i vostri movimenti, per approfittare nel primo momento utile.

E a proposito di “studiare i movimenti”, non sono fessi quei malviventi che, puntualmente, decidono di fare la rapina al supermercato di turno proprio prima della chiusura, in modo da ricavare il massimo beneficio, spesso con il minimo sforzo. La solita scena si è ripetuta lo scorso 14 Ottobre, in una zona centralissima del paese, dove due rapinatori - entrambi con il volto travisato - hanno fatto irruzione poco dopo le ore 21.00. Uno dei due era armato e, con la solita tecnica, ha minacciato la cassiera, la quale gli ha consegnato il bottino, che dovrebbe essere intorno ai 1.000 euro. Un’operazione velocissima, al termine della quale i due sono fuggiti verso la periferia.

I Carabinieri stanno acquisendo le varie informazioni per risalire ai responsabili dei due colpi.

Vito Didonna Jr

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI