Lunedì 19 Novembre 2018
   
Text Size

PD e NCD interrogano sindaco e amministrazione

Rutigliano-L'opposizione del consiglio comunale di Rutigliano

Articolo pubblicato su “La Voce del Paese” in edicola la settimana scorsa

Officine Ufo, Via delle Mimose e Bike Sharing. Arriveranno le risposte?

 

Gli ultimi tre punti in programma per il Consiglio Comunale del 12 ottobre riguardano tre interrogazioni della coalizione PD-NCD. I consiglieri Valenzano, Altieri, Berardi, Valentini e Martire hanno sottoposto all’attenzione della commissione alcune tematiche sulle quali loro, in rappresentanza dei cittadini, vorrebbero delle risposte. Il primo quesito in lista è stato tirato in ballo dai consiglieri Valenzano e Berardi, riguardo le Officine Ufo. Con un’interrogazione presentata dal Partito Democratico e protocollata il 16 luglio 2015, vengono richieste spiegazioni all’Assessore Gianvito Altieri riguardo la mancata riattivazione del Laboratorio Urbano Officine Ufo. Per Officine Ufo si intende il Laboratorio Urbano attivato nei passati anni in alcune stanze di Palazzo San Domenico. Questa attività viene sovvenzionata da fondi regionali, quindi del tutto indipendenti dalle casse comunali e a disposizioni di associazioni giovanili. Il Comune di Rutigliano, attivando i Laboratori Urbani insieme al Comune di Casamassima, ha implicitamente accettato la riattivazione per ulteriori 5 anni dalla scadenza del primo bando. Ci si sarebbe aspettato, in definitiva la riattivazioni delle Officine Ufo per i prossimi 5 anni, cosa che non è ancora avvenuta nonostante sia la seconda interrogazione presentata sull’argomento e nonostante la richiesta di assemblea pubblica firmata da numerosissimi cittadini. L’assessore alla Cultura Gianvito Altieri risponde, allora, che il bando regionale non insinuava alla riattivazione per altri 5 anni del progetto, informazione successivamente smentita dalle carte della consigliera PD. Inoltre l’assessore Altieri annuncia l’esistenza di un bando grazie al quale potrà essere riassegnato lo spazio ad una nuova associazione gestore (dopo la chiusura della cooperativa Il Sorriso), non appena termineranno i lavori edili che stanno creando il “Museo del Fischietto in Terracotta”, proveniente anch’esso da un ulteriore bando regionale. In sostanza gli spazi al pian terreno sono occupate al momento da strumenti da lavoro per il museo del fischietto. Non appena questi saranno terminati verrà emesso dal Comune il bando per la nuova gestione. La replica del consigliere Berardi specifica che l’interrogazione del proprio partito reca data 16 luglio 2015, data in cui i suddetti lavori non erano ancora stati avviati. Gli spazi interessati dai Laboratori Urbani riguardano, come lo stesso assessore ha specificato, le stanze a sinistra rispetto l’entrata di Palazzo San Domenico, si sarebbe potuto quindi continuare le attività culturali anche durante i lavori in corso. Il consigliere di opposizione di dice insoddisfatta dalle spiegazioni fornite dall’Assessore alla Cultura confidando nella parola di Gianvito Altieri nel immettere al più presto i bandi. La successiva interrogazione viene presentata da tutti i consiglieri della coalizione PD-NCD riguardo i problemi di allagamento di via delle Mimose Espone la problematica di via delle Mimose il consigliere Domenico Altieri. Il problema di questa, come altre zone di Rutigliano, riguarda il difficile smaltimento delle acque meteoriche. Nello specifico, in via delle Mimose dal civico 2 al civico 10, le acque ristagnano fino alla creazione di una pozza difficoltosa sia per i mezzi che per i pedoni. Causa di questa problematica sembra essere una anormale pendenza di questa strada che produce tali sgradevoli risultati rendendo invivibile la zona a ridosso di piogge. Il consigliere Altieri, portavoce della coalizione, chiede al sindaco quali siano le soluzioni che il Primo Cittadino intende attuare. “Tra una festa e l’altra, tra una notte bianca e l’altra perché non metterci qualche soluzione a questi problemi?”. Il Sindaco Roberto Romagno prende atto della situazione. Una situazione di cui gli uffici predisposti sono già a conoscenza. Non è però l’unico caso verificatosi. Tra i colpevoli anche l’imprevedibile clima le cui precipitazioni sembrano sempre più spesso straordinarie- si parla di “Bombe d’acqua”-. Soluzioni certamente verranno attuate con un intervento strutturale. Tra le manovre attuabili ci sarebbe un potenziamento dell’impianto di reflusso delle acque piovane, atti che richiedono dovuti studi, perizie e soprattutto costi di cui bisogna tenere atto. La replica del consigliere esprime insoddisfazione data la mancanza di progettualità e tempistiche da parte dell’amministrazione. L’ex candidato sindaco propone inoltre piccole soluzioni temporanee applicabili in attesa di lavori più intensi come ad esempio l’installazione di dissuasori di velocità in via delle Mimose, evitando così che i pedoni vengano bagnati dalle auto sfreccianti. L’ultimo punto all’Odg, nonché ultima delle interrogazioni rivolte al Sindaco porta la firma dei consiglieri Altieri, Berardi, Martire, Valentini e Valenzano. L’argomento questa volta è il “Bike Sharing”. L’iniziativa promossa dal SAC e non ancora avviata suscita sin da subito qualche perplessità. In particolar modo il consigliere Valentini chiede spiegazioni riguardo la postazione principale di “Bike Sharing” posizionata in Piazza XX Settembre turbando la prospettiva urbanistica del luogo, nonché causa del danneggiamento delle basole si cui è composta la pavimentazione (traforate appunto per l’installazione). Nel suo intervento il consigliere Valentini interroga l’assessore Gianvito Altieri sulla possibilità di installare la postazione a pochi metri di distanza, in posizione opposta, laddove si trovava un tempo una pompa di benzina. La risposta dell’assessore Gianvito Altieri arriva puntuale e per iscritto. Un qui pro quo comunicativo ha impedito che la risposta per iscritto dell’assessore giungesse all’attenzione dei consiglieri interroganti. L’assessore alla Cultura e al Turismo di Rutigliano spiega che la posizione attuale della postazione “Bike Sharing” è lì sita in quanto rappresenta un punto visibile dalle telecamere di sicurezza di Piazza XX settembre, evitando così furti o danneggiamenti. Il progetto prevede quindi di spostare la postazione , in seguito la nuova installazione di telecamere, proprio nel luogo consigliato da Oronzo Valentini. Verrà in seguito installata una nuova stazione presso Piazza dello Scoutismo. Risposte esaustive che non sollevano altre domande se non quella su come la ditta edile abbia intenzione di restituire l’originaria forma alle basole ormai bucate di Piazza XX settembre. Essendo stati discussi tutti i punti all’Ordine del Giorno. Il consiglio comunale viene dichiarato concluso.

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI