Lunedì 19 Novembre 2018
   
Text Size

Impianti sportivi a Rutigliano

Rutigliano- Impianti Sportivi-Foto Gianvito Altieri (2)

 

Articolo pubblicato su “La Voce del Paese” in edicola la settimana scorsa

Facciamo il punto con l’assessore Gianvito Altieri

Dal lieto ritorno a casa della Virtus Rutigliano all’appello per la gestione del campo da tennis in Via Favale, passando per lo splendido lavoro dello Sport Centre nel polo sportivo in Via Adelfia. Facciamo il punto intervistando l’assessore Altieri.

Innanzitutto volevo chiederle informazioni riguardanti la concessione della Tensostruttura alla Virtus Rutigliano, sabato scorso. È stata un’autorizzazione limitata a quel caso oppure si sono posti i presupposti per altre concessioni nel futuro prossimo?


Allora, secondo me, occorre raccontare il passato per comprendere il presente. La Tensostruttura non è sicuramente la migliore struttura sportiva che si possa trovare in circolazione perché, quando fu pensata ( nel lontano 1994), doveva sorgere quale “ponte” per la costruzione di un Palazzetto dello Sport. Doveva essere utilizzata, quindi, per un fine limitato nel tempo. Purtroppo così non fu perché questo palazzetto non ebbe modo di venire alla luce. La Tensostruttura è servita l’anno scorso a far giocare la Virtus ma , ad un certo punto dell’anno, quest’ultima ha ricevuto una lettera di attenzione da parte della Federazione. L’organo disciplinare , però, non ha mostrato tutta questa fiscalità( altrimenti non avrebbe più permesso alla società di giocar lì!) e, anzi, ha solo voluto portare all’attenzione della Virtus alcuni lavori da compiere necessariamente. Qualche mese fa –come ben sai- dissi che l’Amministrazione Comunale era ben lieta di venire in contro alle esigenze della società. Poi la Virtus ha trovato altre soluzioni, soluzioni che sono andate in porto, altre che non lo sono state e le cose si son fatte un po’ più complicate. Oggi un’amministrazione comunale , quando si gioca una partita di un certo tenore agonistico ( perché ad es. vi possono essere tifoserie avversarie), si assume delle responsabilità laddove autorizzi lo svolgimento della medesima. Dato che il sindaco Roberto Romagno è un “padre buono”, egli non ha avuto problemi a firmare ,nel Giugno scorso, l’autorizzazione per la concessione del Tensostatico alla Virtus così permettendo a quest’ultima di proseguire la loro avventura nel nostro paese. Questo anche perché,ad oggi, la denominazione della squadra è Virtus Rutigliano. La Virtus Noicàttaro non esiste, esiste solo la Virtus Rutigliano. Nonostante tutto quanto successo nei mesi scorsi, io non ho avuto problemi a concedere l’impianto e, proprio poco fa, ho detto al pres. Mimmo Lamorgese che il Comune è orgoglioso di ospitare la sua società e la ospiterà tutte le volte che lo vorrà. Nel momento in cui loro riusciranno a trovare una soluzione migliore  per i tifosi, per le società ospitate ecc ben venga. Anzi spero che questo sia la “molla” che faccia partire un progetto per la costruzione del Palazzetto. Questo è l’obiettivo del mio assessorato allo Sport. Chiaramente è un obiettivo difficile. Gli altri paesi furono bravi a cogliere finanziamenti al momento giusto , soprattutto nel periodo 2008-2009. Secondo le nostre stime e progetti occorre circa 1.000.000 € per la realizzazione di un palazzetto e,ad oggi, la legge di Stabilità impedisce ai Comuni di spendere cifre così esorbitanti. Il Comune, a dispetto di quanto si possa pensare, dispone di grandi liquidità, intoccabili proprio a causa dei patti di stabilità. Se dovesse arrivare uno sblocco del Patto , noi partiremmo “domani” stesso con la realizzazione. Abbiamo tutto, progetto compreso, manca solo lo sblocco dei fondi. Un’altra possibilità è quella di partecipare, così come stiamo facendo, a finanziamenti, progetti ecc.[..]

Abbiamo ricoperto circa 22 spazi , gare escluse, per permettere a tutte le società di usufruire dell’impianto tensostatico. Ci sarà la Virtus , l’Olympia, la Mens Sana, l’Azetium Rutigliano e anche lo Sport Centre di Nicola Meduso. In fin dei conti, si può notare come la Tensostruttura stravive. Inoltre, è chiaro che né il Sindaco né l’assessore Altieri vogliano mettere i bastoni tra le ruote alla Virtus, così come molti erroneamente pensano. Io sono dell’idea che se loro riuscissero, e quest’anno è alquanto probabile, a salire in Serie A2, io sarei il primo a premere affinchè possano anche avere altre alternative nei paesi limitrofi. Non bisognerebbe mai fermare l’entusiasmo di un Presidente e di una squadra che sta crescendo [..]

Vedere la Virtus giocare qui a Rutigliano ( come successo sabato) o la compagine Under 21 Domenica 25, non può che riempirmi di gioia. Personalmente, devo essere sincero, mi dispiace che questa situazione non si sia affrontata prima perché la macchina amministrativa è una macchina lenta ma che funziona [..]

Io penso che Mimmo Lamorgese è un eroe sportivo. Con i tempi che corrono , reggere una squadra su un palcoscenico così prestigioso non è facile. A noi fa piacere vederli vincere ecc. Però, a onor del vero, bisogna dire che parliamo di livelli più alti( risultati alla mano) rispetto a quanto Rutigliano, ad oggi, possa offrire a livello di strutture. Ben venga la voglia di vincere del pres. Lamorgese, ben vengano i traguardi della società, Rutigliano non può che aprire alla società tutte le porte possibili[..]

Fiducia contraccambiata anche dal presidente della Virtus Rutigliano Mimmo Lamorgese che, alla redazione NoicattaroWeb, ha così dichiarato: “Stiamo disputando questo campionato solo grazie al Comune di Rutigliano ed al sindaco Romagno che ci ha fatto un enorme favore, dando in estate la disponibilità momentanea , per i primi tre mesi della stagione agonistica, della Tensostruttura [..] Quando abbiamo visto che i tempi si stavano allungando – facendo riferimento alle richieste al Comune della vicina Noicattàro –ci siamo rivolti al Comune di Rutigliano per poter effettuare l’iscrizione al campionato. Esistiamo unicamente grazie al Comune di Rutigliano.”
[Tratto dall’intervista de La Voce del Paese edizione Noicattàro di Daniele Lattanzio]

Passiamo ad un altro discorso: che idea si è fatto sui lavori ad opera dello “Sport Centre Rutigliano”( sempre parlando del Polo di Via Adelfia) riguardanti il “rimodernamento” del campo di calcio a 11 e la realizzazione di due campetti nella zona adiacente al primo?

Che dire?! E’ un grandissimo lavoro. Nicola Meduso ci ha messo del suo, ci ha creduto tanto e , inoltre, ti anticipo che faremo la partita inaugurale il 7 o il 14 Novembre: l’Amministrazione sfiderà i “piccoli campioni” dello Sport Centre sul campo di calcio a 11 [..] Sono contentissimo. Ammetto che è qualcosa che mi riempie il cuore di gioia. Rutigliano non ha speso 1€ per questi lavori ma, nonostante ciò, tutta la comunità potrà usufruirne. Il campo di calcio a 11, infatti, è fondamentale per la crescita dei ragazzi, soprattutto laddove urgono spazi più larghi. Nicola Meduso è riuscito a far “vivere” quella zona a 360 gradi.

Le lascio, infine, carta bianca su qualsiasi altro aspetto meramente sportivo.

Mi sento di dire un grande “grazie” alla Rinascita Rutiglianese perché stanno mantenendo il Comunale di Via Gorizia in perfette condizioni. Il manto è bellissimo. Ti anticipo che , in occasione della sfida tra Rinascita Rutiglianese e Monte Sant’Angelo (Domenica ore 14.30), il Comune donerà un defibrillatore alla società. Ci sarà una piccola celebrazione a centrocampo, prima della partita.

Poi ti comunico che abbiamo fatto fare dei preventivi per quanto riguarda il campo da tennis in Via Favale ove pensiamo di attuare alcuni lavori per renderlo più vivibile possibile.

..come dovrebbe funzionare? C’è stato o ci sarà un bando per la gestione?

Noi abbiamo già fatto un bando che, purtroppo, è andato deserto. Considera che il bando prevedeva 200€ di gestione all’anno. Una cifra davvero conveniente , soprattutto se si considera la presenza di alcuni giardinetti lì vicino e di spogliatoi nuovissimi. Purtroppo qui non vi è la cultura del tennis [..] Il campo potrebbe funzionare come un “playground” del tennis però quest’ultimo non è facile da gestire. Sarebbe bello se qualcuno,ed io ho già insistito con le società giovanili, potesse far vivere quel posto. Anzi, colgo l’occasione per estendere questo “invito” a chiunque, lettori del giornale compresi.

Ringraziamo per la disponibilità l’Assessore Altieri.



MICHELE RUBINO

Rutigliano- Impianti Sportivi-Foto Gianvito Altieri (1)

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI