Sabato 17 Novembre 2018
   
Text Size

Approvato il Piano Particolareggiato di via Madonna delle Grazie

Rutigliano-IMMAGINE DEL PIANO

 

Articolo pubblicato su “La Voce del Paese” in edicola

Dopo decenni di attesa, il progetto definitivo che vedrà sorgere un nuovo quartiere edilizio

Dopo poco più di 30 anni dall'avvio dell'iter per assegnazione di incarichi, progettazioni, richieste, istanze e aggiornamenti, è stato finalmente approvato con deliberazione di Giunta del 2 ottobre 2015 il Piano Particolareggiato di via Madonna delle Grazie, con le Opere di Urbanizzazione annesse e connesse. Un progetto che supera il valore di 3 milioni di euro, riportato all'attenzione pubblica dall'assessore Berardi e portato a termine dall'ingegner Michele Antonicelli, responsabile della primigenia pianificazione depositata nel lontano 1998 e frutto di un adeguamento a norme e prezzi vigenti. Un incarico completo, quello affidato ad Antonicelli che, in virtù della stipula dell'atto di accordo transattivo siglato lo scorso 4 maggio 2015 tra le parti interessate nella pluridecennale vicenda, comprendeva attività, relazioni e analisi necessarie a redigere il progetto definitivo, utile poi per il passaggio alla fase della stipula delle convenzioni urbanistiche, e il progetto esecutivo per la fase dell'esecuzione dei lavori.

La nuova ed aggiornata pianificazione, consegnata al protocollo il 25 settembre scorso, riguarda le relazioni teoriche sugli impianti idrici e di pubblica illuminazione, il quadro economico, i piano di sicurezza, le carte idrologiche e idrogeologiche, la rete idrica e quella fognante, gli impianti di smaltimenti delle acque meteoriche, le aree destinate a parcheggio e quelle destinate a verde, i tronchi stradali, la segnaletica orizzontale e verticale, compresa la pista ciclabile che completerà i collegamenti ciclabili tra i diversi quartieri del paese e darà a via Madonna delle Grazie un aspetto nuovo. Il totale del piano, come già detto, ammonta a 3milioni e 350mila euro, che andranno a riqualificare l'intera zona e ad ampliare così i complessi abitativi all'interno del paese: saranno circa duecento, infatti, le nuove abitazioni da poter realizzare un'area che si estende su più di 80mila m3. Il Piano particolareggiato, però, è stato fin dal suo avvio inserito in un fascicolo burrascoso e controverso, che solo oggi sembra essersi risolto definitivamente grazie all'impegno e alla determinazione dell'assessore Nicola Berardi, delegato all'Assetto del Territorio e dunque all'Urbanistica, alla Pianificazione del Territorio e all'Edilizia Residenziale Pubblica.

 

 

Commenti  

 
#2 Era ora 2015-11-15 16:28
Il progresso di una comunità passa attraverso la libertà di iniziativa economica in tutte le sue forme....e per troppo tempo questa comunità è stata ostaggio dei soliti burattinai... Questo atto va nella giusta direzione...libertà, libertà, libertà
 
 
#1 ma si dai 2015-11-13 22:34
un area estesa su 80mila metri cubi... qualcosa non quadra!!!
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI