Venerdì 16 Novembre 2018
   
Text Size

Rutigliano contro la Regione Puglia

Rutigliano- contro la regione Puglia  (7)

 

Articolo pubblicato su “La Voce del Paese” in edicola la settimana scorsa

Continua il durissimo braccio di ferro su Lama San Giorgio. Rutigliano scrive di nuovo all’Assessore regionale Giannini Altieri resta irremovibile

C’è ancora bisogno di valutazioni

 

Continua l’acceso braccio di ferro tra il Comune di Rutigliano e la Regione Puglia sulla questione “Reflui in Lama San Giorgio”. In occasione del consiglio comunale dello scorso 5 novembre, il punto all’ Odg riguardante la Lama è stato rinviato in occasione di un incontro con l’assessore regionale Giovanni Giannini per discutere del futuro della zona rurale rutiglianese. Il Consiglio Comunale si è quindi licenziato a data da destinarsi non senza, però, ribadire il forte no che ha caratterizzato tutti gli incontri in merito alla faccenda.

  L’assessore Regionale Giannini ha quindi raggiunto i rappresentanti rutiglianesi nella mattina del 19 novembre, data in cui è stato inoltre convocato nuovamente il Consiglio Comunale.

  Dopo un doveroso minuto di silenzio alla luce dei recentissimi conflitti terroristici ed alla controffensiva francese, i Consiglieri hanno richiesto la sospensione momentanea dell’assemblea per confrontarsi sul summit con l’assessore Regionale.

  Quelli che sarebbero dovuti essere “5-10 minuti”- annunciati dal presidente Maggiorano- sono diventate più di tre ore di discussioni in separata sede. A noi ed al resto dei cittadini non giungono altre notizie se non lo sguardo di dissenso del consigliere Domenico Altieri. Il consigliere del PD ha richiesto, nel momento della richiesta di sospensione, che potessero assistere al colloquio privato i referenti del Comitato Cittadino “Salviamo Lama San Giorgio”. Richiesta rifiutata da parte del Presidente Maggiorano, con grande sorpresa di Altieri che ricorda la loro presenza in altre occasioni, oltre a sottolineare l’importanza e la conoscenza del tema degli attivisti rutiglianesi. Seguono, quindi, ore di attesa durante le quali rumoreggiano diverse teorie. Teorie per tratti discordanti le une dalle altre, raccontate in concetti diversi dai vari consiglieri che raggiungevano nuovamente i banchi consiliari.

Al ritorno in aula del portavoce del Comitato, Gianni Nicastro, si parla di una irremovibilità dell’Assessore Regionale nella scelta della destinazione dei reflui in loco di Cicco Severini, dell’amministrazione che ha mostrato “cortesia istituzionale” laddove non l’’ha ricevuta dall’ente regionale e su possibili neri futuri dell’agro rutiglianese. Si rumoreggia, inoltre di una “possibilità di valutare come spazio utile l’area di Lama Cupa, 9 ettari di invaso ben predisposto all’utilizzo ma l’atto dell’Assessore risuona come una promessa di marinaio (vista la vicinanza con i centri residenziali di Bari Alto).

  Bisogna attendere il rientro in aula della giunta consiliare per ottenere spiegazioni riguardo una tematica di interesse comune alla quale la cittadinanza è stata tenuta all’oscuro.

  Al termine del dibattito in separata sede, la giunta ha deciso di rinviare il punto all’Ordine del giorno richiedendo, però, ulteriori aggiornamenti e perizie all’Assessore Giannini. “Nell’incontro di questa mattina con Giannini sono state valutate possibili soluzioni alternative”- spiega il Sindaco Romagno-“già domani in mattinata inoltreremo una missiva all’Assessore Giannini nella quale si richiede risposte dettagliate e tecniche alla luce delle quali verrà chiamato ad esprimersi in Consiglio Comunale”.

  Duro e di polso il rifiuto del Consigliere Domenico Altieri. “Eviterò di presentare spunti polemici, e ce ne sarebbero tanti. Ci siamo lasciati nell’ultimo consiglio ritirando l’ordine del giorno ed io ho votato contro. Voterò quindi contrariamente anche questa volta perché a quanto pare da quando stiamo discutendo questa sera, non ho ancora avuto risposta ad una domanda da me più volte fatta: ‘L’Assessore Giannini ha intenzione di bloccare i lavori su Cicco Severini?’. Eravamo tutti decisi a non abbandonare la nostra posizione, un no secco alla soluzione di Cicco Severini. Ad oggi non è cambiato assolutamente niente ed io non mi smuoverò di un millimetro dalla mia decisione. La Regione ormai si è espressa nell’ultima conferenza dei servizi ed ha detto che avrebbe messo il “troppo pieno” fino a Cicco Severini. Stamattina vi ha riconfermato le stesse loro posizioni. Quello è un gioiello della natura e della storia del nostro territorio e neanche su questo riusciamo ad essere uniti?”.

  Passa la parola al consigliere Oronzo Valentini che, come Giuseppe Valenzano, porge la mano al Sindaco Roberto Romagno nella mediazione con l’ente superiore. Nello specifico il neo rappresentante di Rutigliano Protagonista si propone come ausiliare nella stesura di una richiesta da notificare al più presto a Giannini.

  Difende la scelta del ritiro dell’emendamento la consigliera Dominga Lepore: “è un atto di maturità dell’amministrazione. Dobbiamo dare modo a tutti di poter valutare ogni dettaglio illustrato durante l’incontro di questa mattina. Le soluzioni proposte meritano un’attenta riflessione e non l’approssimazione affrettata”.

  “Nessuno di noi vuole in alcun modo che gli scarichi reflui vengano immessi in Lama San Giorgio”- riprende il Consigliere Delliturri che continua il proprio discorso rivolgendosi al collega Altieri, “questo è il punto in comune tra tutti noi ma non capisco la tua ottusità (mi rivolgo in modo amichevole) nel ribadire questa posizione nel non voler rinviare un punto all’Ods sul quale stiamo cercando di capire qualcosa in più. Io continuerò a votare a favore qualora la Regione o l’AQP mi assicureranno che non vi sarà alcun tipo di sversamento in Lama San Giorgio. Al di là di questo credo che una settimana/dieci giorni di ritardo non saranno fatali”.

  Prima della messa ai voti dell’emendamento l’ultima parola in merito viene ceduta al primo cittadino. “andare oggi a rimarcare il nostro no dopo l’incontro con Giannini di poche ore fa credo che sia un comportamento poco corretto e poco rispettoso di chi questa opportunità ce la offre. Rimanendo fermi sulla nostra posizione, oggi il Consiglio si impegna a cercare tutte le possibili soluzioni che con questo atteggiamento e questa capacità di dialogo più moderato potrebbero avere più riscontro che un atteggiamento di chiusura e di barricata. L’assessore Giannini ci ha parlato della possibilità di invaso a Lama Cupa, ci ha parlato della possibilità seria di utilizzo di acque depurate in agricoltura. Queste sono le ragioni per cui io chiedo un rinvio e chiedo un atto di responsabilità all’intero consiglio comunale, perché su questi argomenti è importante che restiamo uniti e continuiamo in maniera unanime”.

  Il punto viene rinviato con 14 voti a favore ed un solo voto contro. Quello del consigliere Domenico Altieri.

  

Rutigliano- contro la regione Puglia  (6) Rutigliano- contro la regione Puglia  (5) Rutigliano- contro la regione Puglia  (4) Rutigliano- contro la regione Puglia  (3) Rutigliano- contro la regione Puglia  (2) Rutigliano- contro la regione Puglia  (1)

Commenti  

 
#1 amo gli animali 2015-11-25 14:26
Mamma mia in quale mani siamo capitati......
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI