Venerdì 16 Novembre 2018
   
Text Size

Mafia, rifiuti e pericoli in discarica Martucci

Il Consigliere Domenico Altieri


Rutigliano è ancora ignara!
Intervista al Consigliere Altieri (PD) uno dei pochi che si è sempre interessato: “Chiederemo spiegazioni in Consiglio Comunale”

Nell’intervista concessa da Pinuccio Valenzano, pubblicata lo scorso 29 gennaio, siamo venuti a conoscenza dell’impreparazione del Comune di Rutigliano nei riguardi della mobilitazione che vede già altri comuni (tra i quali Conversano, Mola di Bari e Polignano), lottare contro la gestione della discarica in Contrada Martucci (Conversano) e ai conseguenti processi che vedono i comuni baresi costituirsi come parte lesa. Perché Rutigliano, che dista solo una manciata di km dal fulcro del disastro ambientale, non ha preso provvedimenti? Perché non ha collaborato con gli altri Comuni lesi? Cosa c’è dietro questa vicenda?

Durante l’intervista, il Vicesindaco di Rutigliano ha espresso la volontà di collaborare con gli altri paesi nella lotta di Contrada Martucci. In seguito alle dichiarazioni dell’Assessore all’Ambiente, Pinuccio Valenzano, riguardo la posizione rutiglianese nella vicenda “Discarica Martucci”, abbiamo ascoltato il parere di un membro di opposizione in Consiglio Comunale, l’ex candidato sindaco e consigliere PD Dott. Domenico Altieri.

“La problematica si è manifestata precedentemente l’attuale consigliatura comunale. Conosco in generale la problematica Cava Martucci e so che attualmente si trova in una fase processuale delicata. Apprendo della istituzione di un tavolo tecnico dal quale Rutigliano, comune interessato, risulta assente e apprendo anche che il Comune di Rutigliano non ha ritenuto di costituirsi parte civile nel processo in corso, a differenza degli altri Comuni direttamente interessati (vedi Conversano, Mola di Bari e Polignano). Non sono attualmente a conoscenza delle motivazioni della suddetta condotta del comune di Rutigliano. Appare strano senza alcun dubbio, ad una prima osservazione l’assenza del Comune che per altro è inserito nel territorio nel quale insiste la Cava Martucci e i cui gestori risultano accusati di un reato molto grave e cioè di presunto disastro ambientale. Ritengo giusto e credo comunque che l’amministrazione debba informare il Consiglio Comunale su tutta la vicenda. Per parte nostra solleciteremo nelle sedi appropriate una adeguata e pronta discussione. Ritengo invece importante, a mio parere, che i Comuni, le amministrazioni comunali e sovra-comunali affrontino sempre più con particolare cura, controllo e attenzione la problematica dello smaltimento rifiuti che non può non passare in primis attraverso una buona raccolta differenziata, condizione ormai chiaramente imprescindibile e di base per una corretta, moderna, sicura condotta di smaltimento dei rifiuti, tale da porci anche al riparo da possibili e anomali soluzioni che possano pregiudicare la salvaguardia del nostro ambiente”.

 

Ambientalisti di facciata
La discarica è un pericolo per la salute di noi tutti

Nonostante la nostra sconvolgente inchiesta del novembre 2012, per la quale Lombardi ora è sotto processo, amministrazione e il presunto paladino dell’ambiente, ignorano un fenomeno molto più grave della questione di Lama San Giorgio. E chissà perché si ignora…

La discarica Martucci è un pericolo per la salute pubblica. Purtroppo è la nostra terra dei fuochi e si porta dietro una scia di corruzione, l’ombra della mafia di Bari, paure e pericoli.

NICOLA TEOFILO

Rileggi l’inchiesta della nostra testata e gli approfondimenti su tutto il network.

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI