Mercoledì 14 Novembre 2018
   
Text Size

Caso Divella: il TAR contro il Comune di Rutigliano

Casamassima-La sede barese del TAR Puglia


Romagno replica: È una sentenza, va rispettata ma non la condivido

Il ricorso al TAR, richiesto dalla Divella S.r.l. è stato accolto lo scorso 12 febbraio. Il biscottificio rutiglianese si è rivolto alla magistratura per far fronte a quelle che vengono considerate dall’azienda come ingiustizie ed che il Tribunale Amministrativo della Puglia ha classificato come "un’evidente ipotesi di eccesso di potere, con lesione del principio di imparzialità della Pubblica Amministrazione”.

La valutazione espressa dalla magistratura ha rappresentato una grave macchia che ha 'infangato' il nome del Comune di Rutigliano e non solo. L’azienda del dott. Francesco Divella, a seguito dell’abolizione dell’ art.13 della zona PIP (approvato in consiglio il 15 dicembre 2016), ha impugnato la decisione citando in giudizio tutte le parti coinvolte a vario titolo nella già nota situazione, che vede la ditta Magel s.a.s. di Borracci & C. richiedere all’Area Metropolitana di Bari un posto nella zona PIP di via Adelfia. Citati in giudizio sono, quindi, oltre al Comune di Rutigliano, anche la Città Metropolitana di Bari, l’ARPA Puglia, l’ASL di Bari e la stessa Magel s.a.s..

Cercando di cogliere gli umori all'indomani della sentenza, abbiamo richiesto un colloquio con il Sindaco di Rutigliano, il dott. Roberto Romagno. Il primo cittadino, tuttavia, non si è sbilanciato riguardo questa complicata situazione, dichiarando solamente che si tratta di una vicenda ancora in discussione e di un processo giudiziario in itinere. Alla luce della sentenza del TAR, gli avvocati che rappresentano il Comune di Rutigliano stanno, in questi giorni, studiando il caso per potersi difendere al meglio.

“Si tratta di una sentenza e come tale va rispettata, ma non sono affatto contento dei risultati che si sono verificati. Sono sereno sulla questione, tuttavia è chiaro che non condivido una decisione del genere”. Questa l'ultima dichiarazione di Romagno che, almeno per il momento, chiude una vicenda che pare destinata a continuare ad occupare un posto di rilievo nella cronaca - tanto amministrativa quanto giudiziaria - di Rutigliano.

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI