Domenica 09 Dicembre 2018
   
Text Size

Cantieri di Cittadinanza: inclusione socio-lavorativa per 16 disoccupati rutiglianesi

IMG-20160524-WA0006

 

Successo ed orgoglio per l'iniziativa nella comunità di Rutigliano

Ben 16 opportunità lavorative per altrettanti cittadini rutiglianesi, che nell'arco dei prossimi sei mesi avranno la possibilità di seguire non solo un percorso di inclusione socio-lavorativa, ma anche di essere "costruttori" stessi della loro formazione. Sono, questi, gli attesissimi e positivi risultati dei cosiddetti "Cantieri di Cittadinanza", l'iniziativa regolamentata da legge regionale che sul territorio rutiglianese non solo è stata recepita in maniera positiva, ma soprattutto messa in pratica, attraverso la creazione di tre percorsi formativi. Promotore della progettazione è stato l'Assessorato alle Politiche Sociali presieduto dall'avvocato Anna Ancona, che di concerto con l'Amministrazione ha fortemente perseguito l'obiettivo di promuovere politiche integrate che, mettendo al centro il lavoro e la dignità delle persone, possano investire nelle loro risorse in termini di inclusione sociale attiva e di incremento dell'occupabilità.

A sancire l'ingresso dei 16 partecipanti ai Cantieri, la stipula del cosiddetto "Patto individuale per l'inclusione sociale attiva", firmata nei giorni scorsi presso la Sala consiliare durante un incontro pubblico organizzato ad hoc, alla presenza dell'assessore Ancona, del sindaco Romagno e dei responsabili dell'azione per il Piano di Zona di cui Rutigliano fa parte. Ben tre i progetti che vedono già impegnati i 16 cittadini rutiglianesi che hanno presentato regolare domanda di partecipazione e che sono stati selezionati in base ai criteri stabiliti dalla Regione e filtrati dall'Ambito territoriale: sei partecipanti per vigilanza e pulizia del verde pubblico e dell'arredo urbano di parco comunale, pineta e municipio, cinque per assistenza domiciliare per anziani e persone non autosufficienti e cinque per sostegno ai servizi amministrativi pubblici e alla Biblioteca comunale. I percorsi, come detto precedentemente, hanno durata di sei mesi e prevedono un'indennità di 23 euro a giornata e un massimo di 500 euro mensili.

Non solo benefici dal punto di vista sociale, dunque, ma anche l'occasione di apprendere una nuova professione e formarsi nei diversi ambiti di competenza, abbattendo le barriere socio - lavorative che, al giorno d'oggi, rischiano di compromettere la dignità di ciascun cittadino. Ma a portare gli ottimi risultati dell'iniziativa è stata soprattutto la forte sinergia, in particolare tra l'ente comunale, con l'assessore Ancona e il funzionario Anna Frugis, gli operatori dei servizi sociali, i responsabili del procedimento per l'Ambito Territoriale n.11 e gli operatori del Centro Territoriale per l'Impiego di Rutigliano, tra cui Fernando Guida, Annalisa Antonacci e Mimmo La Selva. 

Tratto da La Voce del Paese ed Rutigliano del 17 giugno 2016

IMG-20160524-WA0004 IMG-20160524-WA0002

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI