Domenica 19 Novembre 2017
   
Text Size

Berardi fuori dalla giunta. Romagno: Fiducia affievolita nei confronti dell’ingegnere MAR

.

 

È ufficiale. L’Ing. Nicola Berardi (Mar) non è più un assessore della Giunta Romagno 2.

A darne ufficialità è un atto deliberato a firma dello stesso Sindaco e pubblicato stamane sull’Albo Pretorio online del Comune di Rutigliano.

  Le giustificazioni di tale scelta, citando l’atto pubblicato, sembrerebbero essere: “[…] durante il periodo in cui l’assessore Ing. Nicola Berardi ha svolto le funzioni per le quali era stato delegato, il sindaco ha potuto valutare e ponderare l’azione politica – amministrativa del proprio collaboratore constatando, con rammarico, l’affievolirsi del rapporto fiduciario posto alla base della nomina assessorile”.

Semplicemente una mancanza di fiducia o c’è qualcosa di più sotto?. Forse sono state fatte avanti pretese non più ammissibili, compromessi per tener coesa la giunta, avanzate dal leader di “Mar” Franco Delliturri?.

  La decisione dell’esclusione dell’Ingegnere Berardi sarà comunicata durante il prossimo Consiglio Comunale, certo è che il seggio vacante dell’assessorato all’Urbanistica si aggiunge all’altamente probabile posto libero in alti assessorati, frutto del vicino matrimonio tra l’assessore Ancona e Altieri. 

Commenti  

 
#2 il giusto 2016-08-23 19:40
finalmente il mar fuori dalla giunta......era un atto dovuto.bravo roberto!!!!
 
 
#1 Ciccio Cappuccio 2016-08-22 15:14
Effettivamente il Sindaco ha ragione:
cit. Decreto: " il sindaco ha potuto valutare e ponderare l’azione politica – amministrativa del proprio collaboratore constatando, con rammarico, l’affievolirsi del rapporto fiduciario posto alla base della nomina assessorile"
infatti sbloccare la lottizzazione di via Madonne delle Grazie (40 anni ferma) avrà creato non pochi problemi alla "fiducia del Sindaco".

La politica dovrebbe servire il cittadino ....
.... qui il cittadino serve al-la politica.
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI