Venerdì 19 Aprile 2019
   
Text Size

L'ECCIDIO DELLE FOIBE: UNA STORIA NASCOSTA

foibe-rutigliano-generazione-futuro-libert

 

Con la Legge N. 92 del 30 marzo 2004 la Repubblica Italiana ha istituito il "Giorno del ricordo in memoria delle vittime delle foibe, dell'esodo giuliano-dalmata, delle vicende del confine orientale" che si celebra il 10 febbraio.

Con l’istituzione del Giorno del Ricordo si vuole "conservare e rinnovare la memoria della tragedia degli italiani e di tutte le vittime delle foibe, dell'esodo dalle loro terre degli istriani, fiumani e dalmati nel secondo dopoguerra e della più complessa vicenda del confine orientale", come recita l’articolo 1, comma 1, della Legge n. 92/2004.

La terribile pagina di storia a cui fa riferimento il Giorno del Ricordo è quella che interessò i territori dell'Istria a partire dall'autunno del '43, subito dopo l'armistizio, fino al 1947, dove furono rastrellate, deportate e uccise decine di migliaia di persone, per lo più italiani, dai partigiani dell'esercito di Tito.manifesto_foibe_-_Copia

Le formazioni titine arrestarono fascisti, anti-fascisti e partigiani, cattolici ed ebrei, uomini, donne, vecchi e bambini, industriali, agricoltori, pescatori, poliziotti e carabinieri, militari e civili, senza alcuna distinzione e senza altro motivo se non quello di essere italiani e contrari al regime comunista di Tito.

Dopo atroci torture gli arrestati venivano eliminati e gettati nelle foibe, fosse rocciose profonde fino a 200 metri.

Solitamente  prima dell’affossamento, gli uomini e le donne venivano evirati, stuprati, accecati, legati mani e piedi con un filo spinato, fucilati e poi infoibati. Alcuni venivano legati a dei cadaveri e poi gettati vivi nei crepacci.

Di questa tragedia non si è parlato per circa mezzo secolo, essendo stata ignorata anche dai libri di storia.

Ancora oggi non si conosce il numero esatto delle vittime di quel triste periodo tra il 1943 e il 1947. Migliaia di persone dai territori di Trieste e di gran parte della Venezia Giulia scomparvero, deportate nei campi di concentramento dell’allora Jugoslavia.

Circa 350.000 italiani abitanti dell'Istria, di Fiume e della Dalmazia dovettero scappare ed abbandonare la loro terra, le case, il lavoro, gli amici e gli affetti incalzati dalle bande armate jugoslave.

Finalmente oggi  i sopravvissuti all’eccidio e i parenti dei morti per mano di quella furia omicida possono degnamente ricordare e onorare, insieme a tutta gli italiani, le quelle povere vittime innocenti di una tragedia che, purtroppo, per troppi anni è stata volutamente nascosta e cancellata dalla storia dell’Italia.

Alessandro Milillo

Commenti  

 
#2 lettore rutiglianese 2011-02-11 17:03
http://[censored]rai.it/dl/portali/site/articolo/ContentItem-46257e50-a2ef-4d72-8276-ee897f1ebf17.html?ref&refresh_ce

Qual è l'originale??
 
 
#1 ricordo commosso 2011-02-11 10:58
***
http://[censored]rai.it/dl/portali/site/articolo/ContentItem-46257e50-a2ef-4d72-8276-ee897f1ebf17.html?refresh_ce
Ovviamente quest'anno c'è stata qualche modifica in ricordo della figuraccia dello scorso anno..
***
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI