CENTRO STORICO E IL CODICE DELLA STRADA

Pregiatissima redazione di rutiglianoweb.
Sono un residente del centro storico di Rutigliano, vorrei segnalarVi,
considerata l'attenzione che la Vs redazione dedica alle problematiche del
nostro centro storico, u
n serio problema di cui poco o nessuno si occupa, sopra
tutto le Forze dell'Ordine (Polizia Municipale in primis) che è quello
dell'accesso all'interno dell'area del centro storico con gli automezzi in
genere.

Quando elessi residenza all'interno del centro storico mi fu consegnata dal
corpo di Polizia Municipale una targa idendificativa che, esposta sul cruscotto
dell'auto, consentiva l'accesso libero all'interno dell'area,che io
rigorosamente espongo ogni qualvolta accedo all'interno dell'area.

Ogni volta però mi rendo conto che ad esporre questo tagliando siamo davvero
in pochi,quindi la considerazione va da sè, che all'interno del Centro storico
c'è un traffico sconsiderato di automezzi non autorizzati, quindi accade che
bisogna districarsi fra auto parcheggiate in modo smodato e selvaggio, auto
parcheggiate che invadono piazza Colamussi da poco inaugurata, auto in doppia
fila, per non parlare dei parcheggi a strisce gialle riservati alle auto dei
residenti costantemente occupati da auto i cui proprietari non risultano
assolutamenti essere residenti.

E' pur vero che questo è un problema culturale e di educazione e di rispetto
delle regole della civile convivenza, ma è pur vero che questo è un problema di
violazione della Legge del codice della strada,quindi va da sè che il rispetto
di questo non può essere trasferito solo alla sensibilità del cittadino, ma è
l'Amministrazione Comunale ed il corpo di Polizia Municipale che deve farsene
carico e far rispettare la Legge.

P.S. Il controllo dei parcheggi e delle soste a pagamento magari potrebbe
anche essere esteso al controllo delle auto autorizzate all'accesso all'interno
del centro storico (ovviamente sè questo non comporta molta
fatica)!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

Ovviamente confido nella Vostra sensibilità e magari se quanto sopra
pubblicato potrebbe risvegliare un attimino il senso civico di ognuno di noi.

Grazie