Sabato 22 Settembre 2018
   
Text Size

RUTIGLIANO. SIAMO LA VERGOGNA DELLA PUGLIA NELLA RACCOLTA DIFFERENZIATA!

Ebbene si, siamo ultimi in classifica! non nel campionato di calcio ma nella raccolta dei rifiuti differenziati nell'ambito territoriale Ba5,  di cui  Rutigliano fa parte.

I dati trasmessi telematicamente con cadenza mensile dai singoli Comuni, estrapolati dal sito www. rifiutibonifica.puglia.it dell'assessorato all'ecologia della Regione Puglia, non lasciano spazio a dubbi o interpretazioni.

A Rutigliano la raccolta differenziata non solo non funziona, ma è in netto peggioramento rispetto al trend già negativo del 2008.

Confrontando il flusso dei dati nel campo “rifiuti differenziati”, comunicato nel settembre 2008, con il dato comunicato a settembre ultimo scorso, notiamo una inversione di tendenza in negativo. Si è passati da un misero 7,57% a un vergognoso 6,45%.

I numeri non mentono e denotano una scarsa attenzione dell'Amministrazione comunale alla gestione del ciclo dei rifiuti. Sicuramente, tutto ciò è dovuto a un disservizio riferito ad una scarsa collocazione dei cassonetti. Piccoli accorgimenti, ad esempio la sostituzione dei cassonetti di grandi dimensioni con cassonetti di prossimità di misura ridotta ma in numero più alto, quasi uno per condominio o isolato, aumenterebbero di molto la percentuale di raccolta differenziata.

È evidente che il metodo del conferiemento dei rifiuti da differenziare nei cassonetti dislocati in luoghi distanti dalle proprie abitazioni non è molto stimolante per i cittadini, costretti ad una sorta di “caccia al cassonetto”. Quando, finalmente, hanno la fortuna di trovarli, questi sono irrimediabilmente pieni. Un altro motivo di una percentuale così bassa di raccolta differenziata, è dovuto al fatto che non viene effettuata la separazione dell'umido organico e degli sfalci di potatura dei giardini privati. Inoltre, l'isola ecologica continua ad essere chiusa.

Rutigliano, anni fa con la giunta Limitone, si aggiudicò come premio l’arredo urbano dell'area a verde di via Madonna delle Grazie, classificandosi al primo posto in un concorso dedicato alla raccolta differenziata. Ciò significa che i cittadini sono sensibili al riciclo e al riuso delle materie. Quello che non funziona è la capacità dell'Amministrazione comunale ad una corretta pianificazione nella gestione dei rifiuti solidi urbani.

E così, mentre il Comune di Mola di Bari indice un nuovo bando di gara innovativo per la gestione dei rifiuti, per puntare a quota 60% di raccolta differenziata entro il 2015, come previsto dal piano regionale, Rutigliano al 60% ci arriverà tra 100 anni. Nel frattempo i rutiglianesi continueranno a pagare l’ecotassa.

tabella

Matteo Lucente

Dati rifiutibonifica.puglia.it

Commenti  

 
#31 KEEHN 2010-02-01 16:22
Ragazzi abito a Milano, sono di Rutigliano, ma ogni volta che vengo mi chiedo sempre perchè un paese dove si potrebbe stare bene, clima ottimo, si mangia bene, si spende poco la gente non rispetta l'ambiente. Ci vuole veramente poco fare la raccolta differenziata ma secondo me è la cultura di noi Rutiglianesi
 
 
#30 svilupposostenibile.eu 2009-12-28 04:53
Ragazzi, io penso che i rifiuti rappresentano un'opportunità di crescita per una comunità. In altri posti (Toscana, Emilia Romagna, ecc.) la corretta gestione dei rifiuti, ha consentito il raggiungimento di importanti risultati per le amministrazioni locali a beneficio dei cittadini. Io sono convinto dell'uso dei rifiuti come leva dello sviluppo.
Se ogni comunità fosse responsabile dell'uso e della destinazione dei rifiuti che produce, il mondo girerebbe in modo diverso. Invece finchè saremo sicuri che per i nostri rifiuti c'è il giardino del vicino che pensa ad accoglierli, la nostra Terra avrà solo una certezza: la distruzione.
 
 
#29 nncepiutempo 2009-12-03 23:52
serve la raccolta differenziata porta a porta obbligatoria. se si aspetta la buona volontà degli incivili cittadini di rutigliano aevoglia ad aspettare... :sad:
 
 
#28 Peter Pan 2009-11-30 12:11
Dimmi quando tu verrai? Dimmi quando quando quando.............
Riferito al differenziato!;-)
 
 
#27 Teta 2009-11-28 21:52
Hai una discarica in casa :D
Meno male che ho fatto tutto quando c'era l'isola via Noicattaro.
 
 
#26 matteo 2009-11-28 20:56
Infatti, non è certo del compostaggio domestico che vorrei discutere.
Vi riporto quanto scritto nel programma del sindaco Romagno.

“Dire, fare, differenziare”: progetto di sensibilizzazione verso il tema del riciclo dei materiali ed in particolare dell’importanza economica e sociale del recupero dei rifiuti urbani. Implementazione del servizio di raccolta differenziata che dovrà gradualmente arrivare al servizio “porta a porta”, dal centro storico verso i quartieri più esterni, al fine di ridurre la presenza dei cassonetti e rendere la nostra città “vivibile” in tutte le stagioni;
Sensibilizzazione all’uso delle isole ecologiche, la cui gestione è di competenza dell’ATO rifiuti, al fine di favorire lo smaltimento “incentivato” dei rifiuti speciali derivanti dalle lavorazioni in agricoltura (teli, reti, contenitori in PVC, ecc...);"

Di questo vorrei discutere. Serve sensibilizzare la cittadinanza al riciclo, al riuso dei rifiuti senza che l'amministrazione metta in atto quei provvedimenti utili a migliorare il servizio per la raccolta differenziata?
Va bene, io sono già "sensibilizzato", ma in che luogo devo depositare il mio videoregistratore rotto, i miei rifiuti tecnologici? dove devo depositare gli scarti di potatura del mio giardino? e il mio armadio rotto, i tubi in PVC?
In Lama San Giorgio?
 
 
#25 Gianni Nicastro 2009-11-28 18:56
Il compostaggio domestico va bene, non quello il problema.
Un anno e mezzo fa dalle pagine del Levante ho analizzato nel dettaglio quello che avrebbe prodotto in termini di differenziazione il progetto RIREFORSU. Lo criticai non per il merito -lodevole- ma per gli obiettivi che l'ATO si era prefisso con quel progetto, cioè aumentare la raccolta differenziata (RD).
Come dimostrano i fatti, purtroppo, avevo ragione. Non solo sarebbe stato irrisorio il contributo delle compostiere alla RD nel caso tutte fossero state distribuite. Allo stato quel contributo è quasi zero perchè, non solo a Rutigliano, le compostiere sono nella maggior parte rimeste sui comuni. La gente nei 21 comuni del bacino non è corsa in massa a prendersele. Da noi manca la cultura del compostaggio (molto scarsa è anche quella del riciclaggio in sè); l'incentivo economico era, ed è, una una farsa (il 5% di sconto sulla TARSU è nulla). Per contro il richiedente doveva impegnarsi a fare il compostaggio, doveva fare un corso di 1 giorno, tenere efficiente la compostiera e sottoporsi ai controlli del comune. Insomma, non è così che si fa la RD dell'organico in una città di 18.000 ab.

34.437 kg sono appena 34 tonnellate, che è poco più di quello che il comune di Rutigliano produce di rifiuti in un solo giorno.
 
 
#24 Teta 2009-11-28 17:31
In Alto Adige hanno tutti la prateria ha disposizione.
Le basse temperature permettono anche una certo tempo a disposizione per il compostaggio...
In estate a 40° gradi ma quante volte devi aggiungere acqua e segatura per fermare la fermentazione e il fetore? Io ripeto non lo trovo igenico... non farei più andare i miei bimbi in giardino. Va bene solo per le foglie, l'erba falciata, piccoli rami. (Secondo me)
 
 
#23 matteo 2009-11-28 15:53
è sparito un pezzo di commento. :cry:
dicevo... è vero che, come dice Gianni, se l'ATO fosse riuscita a consegnare tutte le 4000 avremmo conferito in discarica solo l'1% in meno ma, proprio in virtù dei grandi numeri, quel 1% corrisponde a 34.437 Kg di rifiuti organici. E' una bella cifra!
In Alto Adige, tutti hanno una compostiera proprio perchè ogni famiglia paga la tariffa sulla base del peso effettivo dei rifiuti conferiti in discarica e non sui mq dell'abitazione.
 
 
#22 matteo 2009-11-28 15:38
scritto da Gianni Nicastro, 26 novembre 2009 alle ore 23:54:05
 
 
#21 Teta 2009-11-27 23:58
Bo... se lo dici tu...
La "macerazione" dei sarmenti poi riutilizzati come probabile concime che benefici in termini di apporto di sostanze nutritive alla vite?
Ogni terreno ha la sua particolare necessità: azoto, potassio ecc. e ogni anno può cambiare il piano di concimazione in base alle piogge persistenti, alla siccita, alle malattie che si sviluppano nel terreno. Analisi del terreno ormai qui da noi sono routine.
Io magari sarei per la raccolta, la trinciatura, l'essicazione e l'invio a quelle ditte che producono biomasse... se proprio vogliamo ricavare reddito.
 
 
#20 matteo 2009-11-27 23:09
...
scritto da Teta, 27 novembre 2009 alle ore 20:16:35
I sarmenti dei vigneti per evitare il diffondersi dei parassiti, microbi ai vigneti e al terreno è consigliabile bruciarli

Il processo di compostaggio, quello serio non quello domestico che faccio io, si articola nelle fasi di bio-ossidazione e maturazione. Tutto questo avviene a temperature di oltre 70° C. In questo modo si realizza una sorta di auto pastorizzazione del materiale che determina l'eliminazione dei microrganismi patogeni sia per l'uomo che per le piante, vite compresa.
 
 
#19 Teta 2009-11-27 22:16
I sarmenti dei vigneti per evitare il diffondersi dei parassiti, microbi ai vigneti e al terreno è consigliabile bruciarli. Questa pratica essendo molto costosa in termini di manodopera e pericolosa per il rischio incendio è più usato il sistema di trinciatura in loco. Ho sentito invece parlare di macchine che raccolgono gli scarti dai vigneti, li fasciano e li tagliano in cubi di varie dimensioni per alimentare riscaldamenti o forni.
 
 
#18 matteo 2009-11-27 22:06
Col mio "esperimento" ho voluto dimostrare come la percentuale maggiore dei rifiuti che va a finire in discarica sia di natura organica. Questo comporta uno spreco e un danno sia in termini di risorse economiche che in termini di risorse ecologiche. L'organico in discarica rimane attivo per 30 anni e forma liquami pericolosi (percolato) che potrebbe finire nelle falde acquifere e contaminarle. E' questo il motivo per cui l'U.E. ha vietato il conferimento in discarica dei rifiuti con alto tenore di carbonio organico.
Ora consentitemi una polemica. L'assessore all'ecologia del Comune di Mola è un ricercatore scientifico con un alto grado di competenza. A Mola si fa ricerca anche sul compost da poseidonia spiaggiata , causa di quell'odore che sentiamo quando siamo in prossimità di insenature ricce di questo vegetale, proprio per evitare di portarla in discarica che significherebbe ulteriori costi a carico del Comune.
Noi potremmo fare lo stesso con gli sfalci di potature dei vigneti. Anzichè bruciarli, potremmo produrre dell'ottimo compost che poi verrebbe redistribuito agli agricoltori.
Come mai a Rutigliano l' assessore al ramo non affronta le stesse tematiche per la riduzione dei rifiuti?
Queste sono le tematiche del nuovo millennio. Se non si capiscono questi principi elementari, la collettività rutiglianese continuerà ad essere sempre l'ultima in classifica!

 
 
#17 ANTONIO FORTUNATO 2009-11-27 15:34
... CONCORDO CON PETER PAN.
Un miglioramento della situazione rifiuti si potrebbe avere con la raccolta differenziata porta a porta.

In moltissimi comuni del Salento vengono consegnati contenitori di diversi colori e tutti sanno che a seconda dei giorni della settimana viene effettuata la raccolta "differenziata".

il risultato sarebbe duplice, perchè, in questo modo, si potrebbero togliere i cassonetti (che molte volte trovi strapieni di carta e plastica) evitare lo sporco che rimane tutt'intorno, e migliorare la cernita del materiale.

Anche le isole ecologiche funzionano allo stesso modo; chi abita in campagna o in zone non raggiunte dalla raccolta porta a porta provvede allo smaltimento differenziato.

.... solo per inciso, in questo modo anche qualche supermercato cittadino comincierebbe a cernere il materiale, non riempendo i cassonetti dell'umido con cartoni e plastica.
 
 
#16 Teta 2009-11-27 13:51
Ci voleva Rutiglianoweb ad informare! Quasi quasi è la volta buona che lo prendiamo per il giardino.
Se non bisogna dimostrare il quantativo di compost sviluppato (cioè se lo usa o meno l'attrezzo) tutti a prendere il bidone per risparmiare sulla TARSU!!!! :D:D:D
 
 
#15 Gianni Nicastro 2009-11-27 13:25
Dimenticavo: la compostiera è gratis
 
 
#14 Gianni Nicastro 2009-11-27 13:25
Teta: «Non sapevo che si poteva richiedere il bidone al comune... lo dovevamo comprare! Ma in comodato gratuito?».

L'anno scorso è partito il bando per la richiesta delle compostiere (300 l)per il compostaggio domestico. Una progetto dall'ATO Ba/5 denominato "RIREFORSU" che sta per riciclaggio-recupero frazione organica rifiuti solidi urbani. Il bando è scaduto. Il bando è stato già prorogato una volta ed è scaduto.
Chi è interessato potrebbe andare ai vigili urbani (Tenente Giovanni Redavid) e chiedere se è ancora possibile avere l'attrezzo. C'è un regolamentpo da rispettare e, per chi pratica il compostaggio domestico, la riduzione del 5% della TARSU.
 
 
#13 regata 2009-11-27 13:06
Molto tempo fa dei miei amici di Triggiano mi raccontavano che il comune aveva "investito" in cassonetti per la raccolta differenziata che riconoscevano una scheda personale: cioè io metto la mia card al cassonetto, butto la mia immondizia differenziata, e automaticamente questo viene registrato sulla mia tessera e si trasforma in punti o sconti che posso utilizzare al supermercato convenzionato. E i miei amici dicevano che con questo incentivo proprio tutti si prodigavano alla raccolta differenziata, tant'è che il comune era riuscito a coprire la spesa fatta inizialmente. Non so se tutto ciò funzioni ancora (ho perso i contatti con questi amici) , ma se così fosse sarebbe una genialata...
Sarebbe davvero l'unica maniera per convincere anche chi non ha l'animo "ecologista"...;-)
 
 
#12 Teta 2009-11-27 11:45
Non sapevo che si poteva richiedere il bidone al comune... lo dovevamo comprare! Ma in comodato gratuito?
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI