Domenica 09 Dicembre 2018
   
Text Size

APPELLO AL PRESIDENTE NAPOLITANO PER I GENITORI ADOTTIVI IN CAMBOGIA

Cari amici,
voglio attirare la vostra attenzione sulla disperazione che molte famiglie stanno vivendo, oggi, in Italia.

Io e mio marito la stiamo vivendo sulla nostra pelle dallo scorso 1 marzo 2009, giorno in cui siamo stati abbinati ad uno splendido bambino di soli 4 mesi, abbandonato alla nascita.

Quel giorno è stato per noi il più bello della nostra vita, è stato il giorno in cui per la prima volta abbiamo visto le foto di nostro FIGLIO, foto che oggi sono logore per tutte le volte in cui i nostri sguardi amorevoli si sono posati su di esse...ad oggi tutto quel che  abbiamo sono solo quelle foto e, la certezza che NOSTRO FIGLIO ha 14 mesi, parla, cammina, fa tanti progressi ma...è solo in un orfanotrofio A 10.000 km da noi, mentre invece avrebbe potuto essere con i suoi genitori,ed avere tutte le cure e l'amore  da più di 10 mesi...!


Infatti, dallo scorso mese di Marzo, i destini di circa 150 famiglie italiane e dei rispettivi figli adottivi in Cambogia sono appesi ad un sottilissimo filo di promesse, impegni e trattative che nei prossimi giorni finirà per essere inesorabilmente reciso.

Il 17 Novembre il governo Cambogiano approva in Senato una legge volta a rendere le procedure adottive in Cambogia più trasparenti ed in linea con i criteri previsti dal Permanent Bureau della Conferenza dell'Aja. In data 7 Dicembre, la stessa legge riceve la firma finale da parte dal re di Cambogia, Nordom Sihamoni.

La Commissione Adozioni Internazionali ha purtroppo accettato che la nuova legge venga applicata in maniera RETROATTIVA alle coppie Italiane che hanno già un abbinamento e hanno già espletato presso il Governo Cambogiano tutte le pratiche preliminari incluso il versamento degli oneri finanziari previsti.

In particolare le coppie che hanno superato i 45 anni di età e le coppie con più di un figlio già presente in famiglia, verranno tagliate definitivamente fuori dalla procedura adottiva, anche se già abbinate ad un bambino.

Molte famiglie perderanno così i propri figli.
E quei bambini perderanno la propria nuova famiglia, forse la loro unica opportunità di avere una famiglia.

Per questo motivo il collettivo delle famiglie ha acceso una Petizione al Presidente Napolitano e alle più alte cariche dello Stato.


Si chiede di intervenire attraverso le vie diplomatiche affinché alle coppie italiane sia consentito di concludere il proprio iter adottivo in base alla legge vigente al momento del deposito/abbinamento come inizialmente promesso dalle Autorità Cambogiane.

Rivolgo a tutti voi l'invito a firmare questa petizione:
http://www.petitiononline.com/cambogia/petition.html

Bastano pochi minuti, non sarà tempo sprecato.

Il nostro abbraccio ed i migliori auguri di Buon Natale a tutta la gente comune, a tutte le famiglie che firmando la petizione offriranno una possibilità ai bambini cambogiani di AVERE FINALMENTE UNA FAMIGLIA CHE LI AMI E CHE LORO ASPETTANO DA TEMPO, TROPPO TEMPO!

Grazie!

P.S.: vi prego, date ampia diffusione della mia lettera, se potete inserite il link sul sito per far firmare la petizione!


NON C'E' TEMPO DA PERDERE...I BAMBINI STANNO SOFFRENDO TANTISSIMO, MANCA TUTTO E, GLI ISTITUTI SONO IN CONDIZIONI IGIENICO-SANITARIE PRECARIE!

 

D.P.

Commenti  

 
#3 anity 2009-12-31 18:18
fatto! vi consiglio, per raggiungere una maggiore diffusione del Vs messaggio, di fare una petizione utilizzando social network a diffusione internazionale , ad es.facebook. Buon Anno
 
 
#2 sophie 2009-12-22 22:48
fatto!
in bocca al lupo!
 
 
#1 michele didonna 2009-12-22 14:44
Fatto!
Auguri ai bambini in cerca di famiglia, dovunque essi siano.
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI