Sabato 23 Febbraio 2019
   
Text Size

SU APPALTO RIFIUTI SCRIVE ORONZO VALENTINI

Oronzo_Valentini

Spett.le Redazione,

in più occasioni vi ho rivolto, anche pubblicamente, la mia più sincera gratitudine ed il mio apprezzamento per l’importante lavoro di informazione, che attraverso il web svolgete sul nostro territorio. Allo stesso modo ritengo opportuno segnalare a voi e a tutti i lettori di Rutiglianoweb la mia più ferma contrarietà in riferimento all’articolo pubblicato a firma di Gianni Nicastro, a proposito dell’appalto per l’individuazione del gestore dei servizi di igiene urbana.

Preciso che la mia protesta non riguarda le idee del sig. Nicastro, comunque non condivise dal sottoscritto per le considerazioni che svolgerò più avanti. Contesto questo modo di fare informazione, che si dichiara superpartes e obiettivo e si rivela strumento per la propaganda di parte.

In primo luogo, mi riferisco al fatto che Gianni Nicastro dice di aver partecipato alle commissioni consiliari, ma dimentica di riferire che lo ha fatto in qualità di tecnico di fiducia del Partito Democratico.

In secondo luogo, non è imparziale un’informazione resa in assenza di contraddittorio. Per esempio, Nicastro mi attribuisce la paternità di opinioni, che non ho mai pensato e proferito ad alcuno, in nessuna sede. Non ho mai detto che “i Rutiglianesi non siano in grado culturalmente di fare la raccolta differenziata porta a porta”, semmai ho dichiarato che c’è bisogno di cambiare le abitudini di tutti i cittadini, nessuno escluso ed in questo senso ho parlato di una rivoluzione anche di tipo culturale.

In conclusione non mi è parso di leggere un articolo giornalistico, ma un comunicato stampa pubblicato su un sito dichiaratamente schierato ed asservito alla causa di un partito politico. Conosco le vostre intenzioni e so bene che lo scopo del vostro lavoro non è questo, ma quello molto più alto e nobile di rendere un servizio di pubblica utilità serio ed apartitico. Per questo vi scrivo pubblicamente senza nascondermi, come mio costume, con profonda sincerità ed onestà intellettuale e nella speranza di aver segnalato una disfunzione all’interno dell’ottimo lavoro che fino ad oggi avete profuso.

Ai lettori di Rutiglianoweb vorrei rivolgere qualche breve considerazione sull’appalto in questione. Il nuovo servizio di raccolta dei rifiuti urbani sarà caratterizzato da un potenziamento della raccolta differenziata, secondo un principio di passaggio dal sistema vigente (raccolta stradale dei rifiuti nei cassonetti), ad uno misto che ci porti con gradualità ad una raccolta porta a porta sempre più spinta, fino a raggiungere gli obiettivi previsti dalla legge. Realizzeremo questo tenendo conto delle disponibilità economiche dell’ente e senza gravare ulteriormente sulle tasche dei cittadini.

In particolare, seguendo l’impostazione di Nicastro, vorrei fare un confronto tra la nostra gara, in via di pubblicazione, e quella del comune di Mola di Bari che è stata da poco affidata alla Lombardi Ecologia.

Il provvedimento approvato dal Consiglio Comunale di Rutigliano è un atto di indirizzo, che presuppone la redazione di progetti dettagliati realizzati a cura e spese delle aziende partecipanti. Questi progetti saranno vagliati da una commissione tecnica incaricata dall’Amministrazione Comunale che sceglierà il migliore, rapportando la qualità del servizio all’offerta economica più vantaggiosa per l’ente. Il comune di Mola, invece, in circa due anni di lavoro ha progettato in proprio la gestione dei rifiuti sul territorio attraverso una ditta esterna, contravvenendo alle indicazioni rese in ottemperanza della legge dall’ATO BA\5, che fino allo scorso settembre era titolare della competenza in materia di gestione della raccolta e trasporto dei rifiuti urbani. Non c’è dunque da stupirsi se il costo del nostro tecnico incaricato sia di gran lunga inferiore rispetto a quello di Mola.

Il nostro servizio costerà al singolo Rutiglianese circa 88 € all’anno, con possibilità di riduzione riveniente dal ribasso di gara. Quello affidato dal comune di Mola alla Lombardi costa al singolo Molese 127,59 € all’anno.

A questo va aggiunto che l’attuale dotazione impiantistica a servizio della Puglia, non consente un corretto conferimento dei materiali da avviare a riciclo, in particolare per la frazione organica che rappresenta il 40\45 % dei rifiuti raccolti. Ciò significa che attualmente ogni comune si sobbarcherà maggiori oneri economici per potenziare la raccolta differenziata e comunque dovrà conferire i rifiuti in discarica, sopportando ulteriori ingenti spese a danno dei cittadini contribuenti.

In riferimento alle considerazioni svolte dall’articolista in ordine ai contributi che le Amministrazioni dovrebbero ricevere dal CONAI per la raccolta differenziata, evidenzio che quel denaro è riconosciuto solo se le materie conferite sono libere da impurità e praticamente, secondo tutta la letteratura di settore, è impossibile raggiungere tale obiettivo senza una successiva fase di selezione del rifiuto in impianti dedicati, di cui non disponiamo.

Come consigliere comunale e capogruppo del Popolo della Libertà garantisco tutto il nostro impegno e quello della Giunta Romagno, al fine di garantire la massima trasparenza e correttezza nelle procedure di gara che non sono assolutamente costruite su misura, come suggerisce Nicastro, ma al contrario presuppongono una partecipazione aperta a tutte le aziende italiane ed europee interessate a competere per l’aggiudicazione di questo appalto.

Il compito di un buon amministratore è quello di gestire da buon padre di famiglia la cosa pubblica, non quello di scrivere libri dei sogni.

Il compito di un buon giornalista è quello di informare la gente, non quello di tifare per questo o per quello, stravolgendo la realtà a proprio piacimento.

A ciascuno il suo. A tutti buon lavoro.

Oronzo Valentini

Commenti  

 
#29 Massimiliano CAPURSI 2010-05-04 04:54
Comunqe risulta strano che questa amministrazione non si sia accorta che siamo scesi dal 7.4% al 6.57% nel rate della raccolta differenziata.
Gli ultimi del Bacino ato di riferimento.
Con ilo rischio della messa in mora da parte della UE
Per quanto riguarda Rutigliano sporca, la colpa è di chi sporca prima e di chi pulisce male dopo.
Sempre di rutiglianesi si tratta però...non è che vengono da Marte a sporcare e a pulire.
 
 
#28 menico 2010-04-20 21:09
i rifiuti sono una risorsa e non una spesa! bisogna farla subito e basta! altro che passaggio graduale.... dire poi che in puglia non c'è un sistema completo per il processo della differenziata è semplicemente falso. muovetevi :sad:
 
 
#27 ratm 2010-04-17 23:41
Valentini è scomparso... c'è da preoccuparsi?
 
 
#26 gennarino u matt 2010-04-16 16:30
I rutiglianesi vogliono la raccolta differenziata "Porta a Porta" l'unico a non volerla è Oronzo Valentini. la prossima volta, non venire più a chiedermi il voto!! "te fè fusc, c vein"
 
 
#25 Peter Pan 2010-04-16 14:28
Citazione:
...
scritto da Mo viene Natale, 15 aprile 2010 alle ore 18:29:03
Peter Pan vorrei sapere perche' ritieni che non possa esserci un drastico passaggio al differenziato....
x Mo viene Natale,
forse non mi sono spiegato bene nel post precedente!
Io volevo chiarire al sig. Valentini che il graduale passaggio al differenziato è già stato preso in carica dalle vecchie amministrazioni, sin dal lontano 1996 quando ricordo che a Rutigliano ci fù la prima manifestazione sul differenziato che coinvolgeva i ragazzi delle scuole elementari "Aldo Moro e Settanni" con ottimi risultati!

Tutt'ora, non dico la maggioranza, una buona parte dei rutiglianesi, differenzia almeno la plastica, la carta e il vetro utilizzando i vari cassonetti predisposti in paese!

Ovvio che ci vorrà un tempo fisiologico per passare al differenziato porta a porta, ma non più 1 o massimo 2anni!!! ;-)

Un'ultima cosa, dobbiamo essere un pò più fiduciosi, non attacchiamo solo e soltanto sempre chi cerca di realizzare qualcosa, diamo tempo all'amministrazione di realizzare ciò che ha in riservo per Rutigliano!
 
 
#24 Mer 2010-04-16 14:23
è assurdo che i cittadini siano esclusi a quets maniera, il silenzio dell'amministrazione su questioni così importanti per noi cittadini e contribuenti dimostra la volontà di certi politici al complotto, al marcio che uccide il sud.

ringrazio di cuore questa testata giornalistica che svolge egregiamente il compito di informare e svelare fatti e questioni altrimenti taciute, questo è nobile da parte vostra.
 
 
#23 dolores 2010-04-16 10:35
Sig. Valentini a quanto pare leggendo i commenti degli utenti si evince che: da parte nostra non manca nè la volontà nè il gratuito impegno e nè la fiducia in chi deve prendere decisioni in merito.... All’inizio sicuramente le cose non funzioneranno tanto bene mi sembra una cosa normale la "novità" porta sempre un pò di scetticismo e paura... ma poi pian piano ci si abituerà e adatterà e con il tempo le cose miglioreranno bisogna semplicemte "iniziare" chi "non risica non rosica" si dice....naturalmente mi auguro che oltre al nostro impegno vi sia anche efficienza nei servizi di raccolta, "altrimenti"?.....I Rutiglianesi sapranno dimostraLe di essere capaci nel differenziare i rifiuti e di aiutare di più l’ambiente....Quindi Caro Sig. Valentini cosi come il cittadino Rutiglianese Le ha dato fiducia a rappresentarlo in consiglio comunale faccia altretanto Lei nei nostri confronti .... ;-)buona giornata
 
 
#22 sophie 2010-04-15 22:59
Ma Oronzo Valentini ha per caso seguito la manifestazione dei rifiuti o visto la diretta ?
perchè solo in quel caso si sarebbe accorto con quanta facilità istruzione e formazione i bambini parlavano della raccolta.
e se lo apprendono i bambini, tutti gli adulti possono imparare!e poi nella vita ci si abitua e ci si adatta a cose ben più difficili e peggiori di questa semplice raccolta porta a porta.
e poi se valentini teme questo, che ci istruisse e ci formasse come sono stati formati ed istruiti a dovere i bimbi delle scuole.
 
 
#21 futuromigliore 2010-04-15 22:41
Sig. Valentini, da tanto tempo si ripete su questo sito web che i cittadini rutiglianesi sentono la NECESSITA' di passare alla raccolta differenziata PORTA A PORTA, quindi non avevamo bisogno dell' articolo "fazioso" del Sig. Nicastro, per capire e per continuare a chiedere a questa Amministrazione Comunale di Sviluppare MEGLIO la raccolta differenziata.
In secondo luogo, vorrei rammentarle che per attuare una BUONA RIVOLUZIONE CULTURALE a Rutigliano, forse è il Caso di intervenire drasticamente, portando direttamente i sacchetti a casa, e facendo scomparire i cassonetti, affinche la gente sia OBBLIGATA a fare la raccolta differenziata, piuttosto che tenersi i rifiuti in casa. La scelta di graduare il servizio(che a mio parere sembra una presa in giro), significa incentivare la gente a NON FARE LA RACCOLTA DIFFERENZIATA, perchè è molto più semplice gettere tutto nel cassonetto, anche quei pochi rifiuti di cui prima si faceva la differenziata (carta, plastica), piuttosto che dividerli in buste separate e aspettare la raccolta PORTA A PORTA.

Se volete migliorare la situazione, NON C'E' PIU' BISOGNO DI ASPETTARE!!Bastra chiacchiere, VOGLIAMO I FATTI!
 
 
#20 affa!!! 2010-04-15 22:41
pippo bau il tuo senso dell'umorismo andrebbe riciclato!!!si vede da qui qual'è il tuo livello di interessamento al tuo paese!!!!
 
 
#19 pippo bau 2010-04-15 22:29


speriamo ci si riferisca d un porta a porta diverso!
 
 
#18 ... 2010-04-15 22:14
da cittadino rutiglianese al di fuori di ogni schieramento politico vorrei soltanto dire che nel momento in cui si cerca di fare qualcosa di buono per il paese come la raccolta porta a porta dei rifiuti c'è sempre qualcuno che cerca di fare dei giochetti politici per tirare acqua al proprio mulino. Facciamo lavorare l'amministrazione su questo tema, i giudizi si danno alla fine e non ancor prima di aver toccato con mano la faccenda!la smetta la minoranza e chi per loro di fare solo stupida opposizione che nn serve a niente anche attraverso testate giornalistiche. Qui mi sembra che non è che si cerchi più di tanto il bene per il paese, ma semplicemente di mettere in cattiva luce qualsiasi azione intrapresa dalla maggioranza!e basta!!!!non se ne può più!!!!
 
 
#17 matteo 2010-04-15 22:04
Se Rutigliano è al 7% di differenziata con il sistema a cassonetto, mentre Squinzano, passando nel dicembre del 2009 al sistema porta a porta, ha fatto un balzo in avanti dal 19% al 64 % di differenziata, è solo questione di cultura o è dovuto alla capacità degli amministratori di comprendere che il metodo porta a porta è quello che dà più risultati?
Consigliere Valentini, si adoperi affinché anche ai cittadini di Rutigliano sia consentita la raccolta differenziata del tipo "porta a porta". Valuteremo in seguito la civiltà e le capacità di risposta dei rutiglianesi!
Sono convinto che i rutiglianesi la sorprenderanno!
 
 
#16 ..... 2010-04-15 21:57
sig valentini inanzitutto garzie per aver risposto almeno cominciamo a vedere un pò più di partecipazione da parte vostra nelle nostre discussioni (mi sembra che sia stato l'unico ad averlo fatto fino ad oggi!) .... voglio però fare qualche appunto alle sue affermazioni; nell'articolo dice: "in ordine ai contributi che le Amministrazioni dovrebbero ricevere dal CONAI per la raccolta differenziata, evidenzio che quel denaro è riconosciuto solo se le materie conferite sono libere da impurità e praticamente, secondo tutta la letteratura di settore, è impossibile raggiungere tale obiettivo senza una successiva fase di selezione del rifiuto in impianti dedicati, di cui non disponiamo."; nel commento invece: "aumenteranno i proventi dei contributi CONAI."; ... allora questa CONAI paga o non paga? ... i contributi vengono percepiti dal comune di rutigliano o no? .... se si perchè non si ha come primo obbiettivo utile la differenziata in modo tale da aumentare questi contributi? ..... in secondo luogo l'ECOTASSA prendendo i dati rivenienti da un'articolo pubblicato sempre su rutiglianoweb http://[censored]rutiglianoweb.it/notizie/politica/382-ecotassa-meno-cara-grazie-alla-presenza-degli-impianti.html il comune paga di ecotassa 7,5 € per tonnellata di rifiuto incrociando questi dati con quelli dell'articolo di pochi giorni fà si evince che il comune porta in discarica circa 8.600 t di rifiuto il che comporta una spesa di circa 65.000 € mentre se facessimo una corretta raccolta differenziata ne potremmo pagare solo circa 10.500€ (con l'ecotassa a 1,25€ per i comuni virtuosi)con un risparmio di circa 50.000€! le sembra poco? .... almeno sarebbe un'inizio! non sarebbe eliminata (come dice lei nel commento) ma sarebbe fortemente ridotta! ... x quanto riguarda la gara dovete essere voi nel capitolato d'oneri a dettare le linee guida che devono spingere fortemente verso la raccolta differenziata (è questo l'indirizzo che detta lo stato!) e non stare alla speranza del progetto presentato dal soggetto appaltatore, che sicuramente (come fanno tutti) tirerà l'acqua al suo mulino!
grazie ancora
saluti
 
 
#15 Mo viene Natale 2010-04-15 21:29
Peter Pan vorrei sapere perche' ritieni che non possa esserci un drastico passaggio al differenziato....se hai seguito la conferenza di Lunedi...ti sarai accorto che i nostri ragazzi...le nostre scolaresche masticano la differenziata come pane quotidiano!!! Sovente capita nelle nostre case che sono i piu' piccoli ad offrirsi o ad essere incaricati al deposito dei rifiuti....i piu' piccoli se ascoltati potrebbero essere un ottimo ponte istruttivo per gli adulti....in altri paesi tutte ste manfrine non sono esistite...il problema che c'e alla base e che dagli appalti la gente deve continuare a mangiare...questo e' il problema...vi garantisco che se non c'e imposizione e cambiamento le cose peggioreranno. Ritengo poi che il Consigliere Valentini sia diventato " Vecchio " nel suo modo di fare politica e che i suoi discorsi assomigliano sempre piu' a frittate cotte e ricotte.....Bast!....mo becchiamoci altri 10.000 cassonetti nei quali i rutiglianesi continueranno a conferire di tutto...come vicino casa mia che in quello della carta trovi il vetro e in quello del vetro trovi IL RIMMATO!
 
 
#14 Gianni Nicastro 2010-04-15 20:02
«...il futuro gestore del servizio potrà potenziare il porta a porta anche per le altre frazioni...»

L’atto di indirizzo di cui parla il sig. Valentini e che lui, insieme ai suoi colleghi di maggioranza, ha approvato in consiglio comunale il 23 marzo scorso, cioè l’atto amministrativo sulla base del quale sarà imbastita la gara d’appalto, non dice nulla di tutto ciò.

La transitorietà di un sistema che evolverà nel porta a porta integrale su tutto il territorio aleggia solo nella testa del sig. Valentini Oronzo. Non c’è nessun atto amministrativo prodotto da questa e dalla passata amministrazione in cui si prospetta uno scenario del genere e, tanto meno, lo prospettano le linee guida della Selleri.
Si amministra un paese con gli atti, non con le buone intenzioni espresse verbalmente solo perchè c’è qualcuno che sta sollevando il problema.

«...senza incidere ulteriormente sul bilancio comunale e quindi sulle tasche dei cittadini, infatti aumentando la raccolta differenziata diminuirà il costo di conferimento in discarica e aumenteranno i proventi dei contributi CONAI. Queste nuove risorse saranno utilizzate per potenziare il servizio di raccolta porta a porta. ...Infine oltre ai contributi CONAI ed al risparmio riveniente dal mancato conferimento in discarica...»

Mi fa piacere che il nostro amministratore cominci a dire certe cose. Cose che sono scritte nella proposta di ragionamento depositata dalla minoranza in una di quelle due commissioni ed elaborata dal sottoscritto. Io proponevo il porta a porta integrale e capillare e dicevo anche dove sono i soldi: «Dal momento che il cassonetto stradale dell’indifferenziato non ci sarà più, si liberano € 897.556 da stornare sulla raccolta differenziata porta a porta che, sottraendo tendenzialmente i rifiuti alla discarica, metterà gradualmente a disposizioni una parte importante dell’attuale costo di smaltimento (€ 500.000). C’è da dire ancora che agli € 897.556 si aggiungono i fondi che si introitano con il conferimento -alla filiera del Conai- del materiale differenziato che, con il sistema porta a porta, è tendenzialmente sempre più puro, come dimostrano le esperienze sul campo praticate da molti comuni in Italia».

Di fronte a questo ragionamento il sig. Valentini, in quella commissione, ha strabuzzato gli occhi incredulo come a dire “ma questo che sta dicendo”.
Tant’è vero che come ha avuto nelle mani quella proposta l’ha subito faxata ai tecnici della Selleri i quali -manco a dirlo- l’hanno “smontata”. E nella foga di smontarla prima del consiglio comunale quei tecnici hanno anche scritto alcune, madornali, stupidaggini (segno che hanno criticato senza prendersi la briga di leggere le carte che stavano criticando).
 
 
#13 pippo bau 2010-04-15 19:48
ai cittadini si chiede solo il voto, quando c'è da chiedere cosa ne pensano sui rifiuti invece non c'è coinvolgimento per non parlare della trasparenza
 
 
#12 mazzinga 2010-04-15 19:33
al consigliere Valentini: innanzitutto grazie per essere intervenuto. Ma continuo a non capire alcuni aspetti:

perchè questo meccanismo contorto e vago di coprire solo le utenze non domestiche, il centro storico, e poi passare casa per casa a riturare solo carta, lattine e plasica? una volta che si bussa ad un porta non è bene ritirare tutto?

Saranno eliminati i contenitori della carta plastica e lattine ma vengono sostituiti con quello dell'umido, resta il vetro e i normali bidoni, si risolve così il problema Citazione:
della pericolosità e gli effetti igenici negativi derivanti da un deposito non corretto e ordinato di vetro e scarti di alimentazione sotto casa
? è evidente che no!

Citazione:
attraverso meccanismi di premialità, il futuro gestore del servizio potrà potenziare il porta a porta anche per le altre frazioni
significa che se siamo bravi e arrivano i soldi potremo meritarci la differenziata porta a porta, come se questa non fosse una necessità ma un contentino al popolino.
Da questa affermazione insomma si capisce che l'amministrazione non ha le idee chiare in merito al progetto che invece si definirà in itinere, come se già si conoscesse il nome dell'appaltatore!

Quindi i premi ricevuti dal CONAI non saranno per i cittadini ma per l'appaltatore, che evidentemente ora non è in grado di garantire il servizio ma più avanti si.

Citazione:
nfatti aumentando la raccolta differenziata diminuirà il costo di conferimento in discarica e aumenteranno i proventi dei contributi CONAI.
Perchè non farlo subito???

infine, quanto è disposto a spendere il comune per questo servizio?

grazie.
 
 
#11 Oronzo Valentini 2010-04-15 18:45
Caro sig.ri Mazzinga e .....,
col nuovo appalto tutti i Rutiglianesi avranno la possibilità di fare la raccolta differenziata. In particolare con il sistema del porta a porta tutte le utenze non domestiche (bar, ristoranti, attività commerciali e artigianali, uffici pubblici,etc.), tutti i cittadini del centro storico (dove esistono problemi per la sistemazione dei contenitori stradali) e tutti i restanti utenti per le frazioni di carta, plastica e alluminio; per le restanti frazioni vetro, umido e tal quale la raccolta sarà stradale attraverso appositi contenitori, almeno nella fase iniziale. Infatti, attraverso meccanismi di premialità, il futuro gestore del servizio potrà potenziare il porta a porta anche per le altre frazioni conseguendo 2 risultati: il primo, di carattere generale, di evitare la pericolosità e gli effetti igenici negativi derivanti da un deposito non corretto e ordinato di vetro e scarti di alimentazione sotto casa; il secondo, rivolto all'aappaltatore, che darà il tempo all'azienda e al comune di testare e monitorare l'andamento della nuova forma di conferimento dei rifiuti e consentirà di reperire le risorse economiche necessarie, senza incidere ulteriormente sul bilancio comunale e quindi sulle tasche dei cittadini, infatti aumentando la raccolta differenziata diminuirà il costo di conferimento in discarica e aumenteranno i proventi dei contributi CONAI. Queste nuove risorse saranno utilizzate per potenziare il servizio di raccolta porta a porta. I dettagli su tempi, costi e modalità non sono descrivibili oggi con certezza. Per questo bisognerà attendere l'aggiudicazione dell'appalto che selezionerà il miglior progetto presentato. Ribadisco, ad oggi, abbiamo solo approvato le linee guida e quindi un atto di indirizzo, che prenderà corpo nelle future fasi dell'appalto (approvazione del capitolato d'oneri a cura del funzionario responsabile, bando pubblico, nomina della commisiione, aggiudicazione della gara).
Infine oltre ai contributi CONAI ed al risparmio riveniente dal mancato conferimento in discarica, esiste solo la possibilità di eliminare il pagamento dell'eco-tassa regionale, che sarà eliminata solo al compimento del ciclo integrato dei rifiuti e quindi con la realizzazione di tutti gli impianti di trattamento dei rifiuti al servizio del bacino, cosa che non dipende direttamente da questa Amministrazione Comunale. Non esistono altri benefici economici legatti al potenziamento della raccolta differenziata.
 
 
#10 Titta Di Girolamo 2010-04-15 18:33
La raccolta dei rifiuti a Rutigliano fa schifo!
La differenziata non esiste.
Le strade sono sporche.

Valentini tu amminstri Rutigliano da undici anni, sei responsabile di tutto questo degrado, punto e basta.
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI