SU APPALTO RIFIUTI SCRIVE ORONZO VALENTINI

Oronzo_Valentini

Spett.le Redazione,

in più occasioni vi ho rivolto, anche pubblicamente, la mia più sincera gratitudine ed il mio apprezzamento per l’importante lavoro di informazione, che attraverso il web svolgete sul nostro territorio. Allo stesso modo ritengo opportuno segnalare a voi e a tutti i lettori di Rutiglianoweb la mia più ferma contrarietà in riferimento all’articolo pubblicato a firma di Gianni Nicastro, a proposito dell’appalto per l’individuazione del gestore dei servizi di igiene urbana.

Preciso che la mia protesta non riguarda le idee del sig. Nicastro, comunque non condivise dal sottoscritto per le considerazioni che svolgerò più avanti. Contesto questo modo di fare informazione, che si dichiara superpartes e obiettivo e si rivela strumento per la propaganda di parte.

In primo luogo, mi riferisco al fatto che Gianni Nicastro dice di aver partecipato alle commissioni consiliari, ma dimentica di riferire che lo ha fatto in qualità di tecnico di fiducia del Partito Democratico.

In secondo luogo, non è imparziale un’informazione resa in assenza di contraddittorio. Per esempio, Nicastro mi attribuisce la paternità di opinioni, che non ho mai pensato e proferito ad alcuno, in nessuna sede. Non ho mai detto che “i Rutiglianesi non siano in grado culturalmente di fare la raccolta differenziata porta a porta”, semmai ho dichiarato che c’è bisogno di cambiare le abitudini di tutti i cittadini, nessuno escluso ed in questo senso ho parlato di una rivoluzione anche di tipo culturale.

In conclusione non mi è parso di leggere un articolo giornalistico, ma un comunicato stampa pubblicato su un sito dichiaratamente schierato ed asservito alla causa di un partito politico. Conosco le vostre intenzioni e so bene che lo scopo del vostro lavoro non è questo, ma quello molto più alto e nobile di rendere un servizio di pubblica utilità serio ed apartitico. Per questo vi scrivo pubblicamente senza nascondermi, come mio costume, con profonda sincerità ed onestà intellettuale e nella speranza di aver segnalato una disfunzione all’interno dell’ottimo lavoro che fino ad oggi avete profuso.

Ai lettori di Rutiglianoweb vorrei rivolgere qualche breve considerazione sull’appalto in questione. Il nuovo servizio di raccolta dei rifiuti urbani sarà caratterizzato da un potenziamento della raccolta differenziata, secondo un principio di passaggio dal sistema vigente (raccolta stradale dei rifiuti nei cassonetti), ad uno misto che ci porti con gradualità ad una raccolta porta a porta sempre più spinta, fino a raggiungere gli obiettivi previsti dalla legge. Realizzeremo questo tenendo conto delle disponibilità economiche dell’ente e senza gravare ulteriormente sulle tasche dei cittadini.

In particolare, seguendo l’impostazione di Nicastro, vorrei fare un confronto tra la nostra gara, in via di pubblicazione, e quella del comune di Mola di Bari che è stata da poco affidata alla Lombardi Ecologia.

Il provvedimento approvato dal Consiglio Comunale di Rutigliano è un atto di indirizzo, che presuppone la redazione di progetti dettagliati realizzati a cura e spese delle aziende partecipanti. Questi progetti saranno vagliati da una commissione tecnica incaricata dall’Amministrazione Comunale che sceglierà il migliore, rapportando la qualità del servizio all’offerta economica più vantaggiosa per l’ente. Il comune di Mola, invece, in circa due anni di lavoro ha progettato in proprio la gestione dei rifiuti sul territorio attraverso una ditta esterna, contravvenendo alle indicazioni rese in ottemperanza della legge dall’ATO BA\5, che fino allo scorso settembre era titolare della competenza in materia di gestione della raccolta e trasporto dei rifiuti urbani. Non c’è dunque da stupirsi se il costo del nostro tecnico incaricato sia di gran lunga inferiore rispetto a quello di Mola.

Il nostro servizio costerà al singolo Rutiglianese circa 88 € all’anno, con possibilità di riduzione riveniente dal ribasso di gara. Quello affidato dal comune di Mola alla Lombardi costa al singolo Molese 127,59 € all’anno.

A questo va aggiunto che l’attuale dotazione impiantistica a servizio della Puglia, non consente un corretto conferimento dei materiali da avviare a riciclo, in particolare per la frazione organica che rappresenta il 40\45 % dei rifiuti raccolti. Ciò significa che attualmente ogni comune si sobbarcherà maggiori oneri economici per potenziare la raccolta differenziata e comunque dovrà conferire i rifiuti in discarica, sopportando ulteriori ingenti spese a danno dei cittadini contribuenti.

In riferimento alle considerazioni svolte dall’articolista in ordine ai contributi che le Amministrazioni dovrebbero ricevere dal CONAI per la raccolta differenziata, evidenzio che quel denaro è riconosciuto solo se le materie conferite sono libere da impurità e praticamente, secondo tutta la letteratura di settore, è impossibile raggiungere tale obiettivo senza una successiva fase di selezione del rifiuto in impianti dedicati, di cui non disponiamo.

Come consigliere comunale e capogruppo del Popolo della Libertà garantisco tutto il nostro impegno e quello della Giunta Romagno, al fine di garantire la massima trasparenza e correttezza nelle procedure di gara che non sono assolutamente costruite su misura, come suggerisce Nicastro, ma al contrario presuppongono una partecipazione aperta a tutte le aziende italiane ed europee interessate a competere per l’aggiudicazione di questo appalto.

Il compito di un buon amministratore è quello di gestire da buon padre di famiglia la cosa pubblica, non quello di scrivere libri dei sogni.

Il compito di un buon giornalista è quello di informare la gente, non quello di tifare per questo o per quello, stravolgendo la realtà a proprio piacimento.

A ciascuno il suo. A tutti buon lavoro.

Oronzo Valentini