Sabato 18 Gennaio 2020
   
Text Size

La “rinascita” della Rutiglianese continua

Esultanza Giocatori Rinascita Rutiglianese


Vittoria di misura contro il Canosa
Un lampo dell’attaccante granata Sciangalepore (’95) decide il match. L’ex Vieste, a fine partita, dichiara : “Piedi per terra, continuiamo su questa strada”

Quarto risultato utile consecutivo, tre vittorie e un pareggio per l’esattezza, in quella che oseremmo definire con un gioco di parole la “rinascita” della Rutiglianese. Mister Di Venere ha ridato freschezza fisica e psicologica ai giocatori granata, rinvigoriti anche dagli ultimi arrivi : Vittorio sempre più leader al centro della difesa , Miccoli e Sciangalepore mine vaganti di un reparto offensivo letteralmente “trasformato” . Proprio quest’ultimo, centravanti classe (’95) , ha deciso la gara interna con il Canosa, terza forza del campionato, valida per la 21a giornata del campionato di Promozione Gir.A . Un sussulto di Sciangalepore al 77’ ha spostato, verso sponda granata , le redini di una partita combattuta soprattutto nella zona nevralgica del campo. La rete dell’ex Atletico Vieste permette a capitan Gentile e compagni di mantenere stabile una posizione di centro-classifica in una classifica sempre corta. Nel prossimo turno la Rutiglianese (28) farà visita ad un pericoloso Monte Sant’Angelo(26), reduce dal buon pari casalingo contro il Madre Pietra Apricena.

Spettacolo sugli spalti, poche occasioni in campo. Sciangalepore batte il Canosa e la noia.
Il match disputato al Comunale domenica scorsa è stato occasione per ribadire il legame di “amicizia” – a livello di tifo- tra i supporters rutiglianesi e canosini. Per quanto concerne il campo, mister Di Venere si è affidato a Lattaruli, tra i pali, assistito nel reparto difensivo da Ferro G., Lovergine, Vittorio e capitan Gentile. In mezzo al campo spazio a Rubino, Catalano, Liturri e D’Addiego mentre , per i terminali offensivi, la scelta è ricaduta sul duo Pinto-Sciangalepore. Nel primo tempo – eccetto un cross pericoloso di Coppola al 31’- tra le note salienti solo lo splendido colpo d’occhio offerto dalle due tifoserie. Vivaci, su sponda granata, soprattutto Sciangalepore e Pinto. Decisamente più frizzante la ripresa con il Canosa che – nonostante le tante assenze - al 57’ sciupa, con Somma, una ghiotta opportunità a porta sguarnita. La Rutiglianese risponde “presente” cinque minuti più tardi: il neo-entrato Miccoli imbecca Sciangalepore che, a tu per tu, prova un pallonetto che, però, finisce alto sulla traversa. Dopo questo rapido botta-risposta, la gara vive di una fase di stallo “rotta” dal lampo dello stesso Sciangalepore al 77’ che, innescato da Catalano, elude in velocità la marcatura di un difensore ospite e batte Camerino per l’1-0. Nel finale i padroni di casa non corrono particolari rischi e riescono a mettere “in saccoccia” tre punti fondamentali.

Le parole di Gianluca Sciangalepore nel dopo-gara.
“Per quanto riguarda la partita, posso dire che abbiamo fatto una buona prova. Siamo riusciti a seguire alla lettera quanto il mister ci aveva richiesto nel pre-partita. Certo, abbiamo commesso qualche errore ma stiamo crescendo partita dopo partita. Sono molto soddisfatto del primo goal con questa maglia; ci ha permesso di conquistare tre punti importantissimi”. L’attaccante granata ha poi proseguito : “Sono qui da quasi un mese e devo dire che è favoloso, sia dentro che fuori dal campo. Mi sono trovato benissimo. Per i traguardi da raggiungere, posso dire che serve tanto lavoro per raggiungere quanto vogliamo: in primis, la salvezza e poi, chissà, magari agguantiamo il sogno playoff. Ad ogni modo, credo che bisogna rimanere con i piedi per terra e continuare su questa scia di ottimi risultati”.

Monte Sant’Angelo:fidarsi è bene, non fidarsi è meglio.
Come anticipato, nel prossimo turno la Rutiglianese farà visita al Monte Sant’Angelo. I bianconeri di mister D’Arienzo hanno iniziato bene il girone di ritorno collezionando 10 punti in 5 partite. Proprio nell’ultimo turno disputato, tra l’altro, la compagine foggiana è riuscita ad impattare – tra le mura amiche – 2-2 nel derby contro l’Apricena, secondo in classifica. Il ruolino casalingo del Monte Sant’Angelo è di tutto rispetto: 4 vittorie, 4 pareggi e 2 sconfitte, maturate contro la corazzata Cerignola e il temibile Canosa. All’andata fu una rete di Pinto a sancire l’1-0 per i rutiglianesi. Il pericolo numero uno per la retroguardia granata, infine, si chiama Vincenzo Lupoli, attaccante ex Manfredonia, autore di 10 centri in stagione.

MICHELE RUBINO

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI